La Kabbalah

Janira
Messaggi: 706
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 16:13

Re: La Kabbalah

Messaggio da Janira »

Ciao Stella,
il problema che ho sempre avuto è trovare la risposta: cosa vuol dire credere in Yeshua?
Cosa vuol dire camminare come lui camminò?
Può un essere umano osservare la Torah prima di nascere di nuovo?
Come tu stessa avrai sperimentato, tutti i cristiani affermano di essere nati di nuovo, ma poi si massacrano fra loro...
La Kabbalah è invece molto chiara sul significato di nascita spirituale.
Essa avviene solo e solamente grazie alla Forza Superiore (Creatore), se noi preghiamo con un desiderio sincero e profondo del nostro cuore. In questo modo la Luce di Dio ci inizia a purificare, finché non arriva questo passaggio in cui finalmente riusciamo ad avere il desiderio di dare agli altri. Per la Kabbalah questo evento non è una vaga sensazione, ma un cambiamento reale, che tu puoi petcepire come percepisci la tua vita materiale.
E da lì inizia il cammino spirituale che ti porta alla completa adesione con il Creatore, cioè a possedere le stesse sue qualità.
Secondo la Kabbalah questa Luce che purifica, si definisce Messia. E l'uomo che ha raggiunto il massimo livello, è unto come Messia ed è in perfetta equivalenza di forma con Dio.
I farisei accusavano Yeshua di farsi come Dio... ma egli ne aveva tutto il diritto, perché la sua anima aveva raggiunto " l'ultimo livello della scala ".

Io non sono nata di nuovo perché non percepisco Dio come percepisco la realtà materiale. Per questo non posso insegnare ciò che non ho sperimentato. Dopo la nuova nascita, è Dio stesso che ti guida.
Janira
Messaggi: 706
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 16:13

Re: La Kabbalah

Messaggio da Janira »

Cara Stella, rispondo qui al tuo messaggio nella cartella confidenziale.

Capisco che il linguaggio usato dal gruppo Bnei Baruch può lasciare perplessi all'inizio, ma alla fine ci si abitua. Suppongo che sia per non confondersi con i tanti concetti religiosi esistenti.
Loro chiamano il Creatore Borè, dalle parole Bo e Re: vieni e vedi( che Dio è buono). Questo perché non è un sistema religioso in cui un adepto deve credere ciecamente al predicatore di turno: l'esperienza diretta è un requisito fondamentale.

Il Creatore per la Kabbalah non è una persona, non cambia umore o opinione a seconda del comportamento degli esseri umani: è una forza infinita di Amore Assoluto che si esprime nel desiderio di dare piacere e riempimento a tutte le sue creature.
Janira
Messaggi: 706
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 16:13

Re: La Kabbalah

Messaggio da Janira »

Perciò, cosa è la Salvezza per la Kabbalah?
È decidere di intraprendere questo percorso per giungere alla completa adesione con il Creatore. E in effetti è l'unico momento in cui l'essere umano ha realmente la libertà di scegliere.
Noi da soli NON possiamo cambiare la nostra natura egoistica, ma ad un certo punto possiamo scegliere di avere fede che esista una forza superiore e la forza del Messia che rispondono ad una preghiera, ad un desiderio sincero di trasformare la nostra Natura egoistica in natura altruistica.
Perciò, cara Stella, per la Kabbalah non esiste il Male come entità separata da Dio, né tanto meno l'inferno o una condanna eterna. Tutti gli esseri umani arriveranno al punto di evolvere il loro punto del cuore.
Potremmo dire che è qui sulla Terra l'inferno, finché siamo completamente separati dal Creatore.
Janira
Messaggi: 706
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 16:13

Re: La Kabbalah

Messaggio da Janira »

Capisco che forse è solo una mia impressione, ma per me tutto questo coincide con il concetto di grazia di Paolo, con l'idea che Yeshua sia Immagine di Dio, con l'idea che siamo schiavi del nostro corpo materiale, che solo con la nuova nascita possiamo entrare nel Regno di Dio, che è dentro di noi e che l'amore verso il Creatore si può raggiungere solo se prima abbiamo cercato con tutto lo sforzo possibile di amare il nostro prossimo come noi stessi.
stella
Messaggi: 3004
Iscritto il: giovedì 3 aprile 2014, 17:44

Re: La Kabbalah

Messaggio da stella »

CARA JANIRA ,
ultimamente entro poco un po il tempo un po' la concentrazione ,,,ma credo dialogheremo una volta ,..

aspettando interventi di altri utenti ...

io nel mio piccolo credo di averti compresa ,...io stessa mi sono poste le tue domande ,come ho scritto sopra ... nel ''IL RUOLO ATTUALE DI CRISTO '' preferisco il vecchio testamento al nuovo ,,,perche' '' perche il V.T. ti da da scavare ,nel nuovo certamente CRISTO ha tutto compiuto sulla croce sembra quasi noi dobbiamo solo adagiarci .....

resta il fatto pero' che noi con le nostre forze non riusciamo a niente ...ecco perche' DIO ha provveduto ...

in conclusione credo pensiamo allo stesso modo ,io non avendo studi mi esprimo con parole alla mano ...chi ha studi piu' letteratura usa un po' piu' filosofia ,ma alla fine e' cosi ...''solo che io mi perderei ,non nel mio spirito intimo ,ma a dare spiegazioni scritte per far comprendere altri '' ..

Come dici se non erro si cresce lentamente con impegno allo studio e preghiera , certamente hai ragione la santificazione e' un processo continuo ''

La scintilla ,,..anni fa' dopo aver creduto aver ''accettato CRISTO come mio salvatore '' si adesso lo so che si entra in un nuovo dialogo ragionamento ,certe cose non sempre si possono spiegare a parole ''...
mi impegnavo nello studio e preghiera ,ero come dire '''al primo amore '' ardevo di voler conoscere ecc..ecc..ho ricevuto ''la scintilla'' che noi evangelici'' detto noi ''tra virgolette'' chiamiamo battezzo con lo S SANTO o nello S. SANTO ...
e' un'esperienza meravigliosa ''anche se tanti la definiscono estasi ..''e' allora un'estasi meravigliosa unica ...

difficilmente si ripete anche se in un secondo tempo ho sperimentato qualcosa di simile ...
aquisti una forza maggiore desideri trasmettere ad altri quel fuoco quelle meraviglie quelle gioie che ti da la parola di DIO ...non nascondi di essere una credente ,resti ferma sulle promesse confidi non piu' in carri e cavalli ,ma in DIO ..ecc..ecc..
certamente siamo umani nella carne allora ecco falliamo ,allora capisco comprendo il perche' DIO HA PROVVEDUTO L'AGNELLO '' ....conosceva la nostra miseria poca forza il nostro fallire ,ma cio' non mi fa adagiare ...anzi ....

AHHH.. amare il prossimo viene prima di amare DIO ''1- “Se non ami il fratello che vedi, come puoi amare Dio che non vedi?” (1Gv, 4-20)..

Aspettima come detto altri , ..poi alcune domande potrebbero risponderti altri ,ci sono qui forumisti che ''pasturano'' ...sono ben preparati e saranno in grado di dare risposte piu' adeguate ..

in attesa DIO CI GUIDI E BENEDICA TUTTI ...stella
l,anima mia. ha sete del Dio vivente
stella
Messaggi: 3004
Iscritto il: giovedì 3 aprile 2014, 17:44

Re: La Kabbalah

Messaggio da stella »

CARA JANIRA ,
mi dispiace nessun intervento ,non interessa a nessuno ,...
forse perche' come detto lo studio della KABBALAH , e' difficile da comprendere ,e' filosofia scienze voler capire la vita ,ma ognuno credo ha la sua percezione il suo modo di capire ...

poi in fondo diciamo la stessa cosa detto solo con parole diverse

Il vento soffia dove vuole, e tu ne odi il rumore, ma non sai né da dove viene né dove va; così è chiunque è nato dallo Spirito ''

NUOVA NASCITA , E' UN DONO DI DIO ...

solo allora possiamo iniziare a comprendere ,anzi no a farci una vaga idea di DIO della vita ecc..ecc..


Una frase del teologo Karl Barth
“Poiché la religione… è carne. Essa partecipa alla confusione e alla mondanità essenziale di tutto l’umano. Essa è il suo vertice, la sua perfezione, ma non il suo superamento né la sua rinnovazione”...

fede in Cristo nuova nascita ,accorcia la distanza da DIO ...senza cercare entrare in un labirinto ...
l,anima mia. ha sete del Dio vivente
Janira
Messaggi: 706
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 16:13

Re: La Kabbalah

Messaggio da Janira »

Cara Stella, una grande regola della Kabbalah è che " Non c'è coercizione nella spiritualità ", ognuno deve fare il proprio percorso, che non è sbagliato in senso assoluto, può essere più lungo e tortuoso o più lineare, ma alla fine tutte le Scintille divine torneranno a casa.
Io sono sicura che Yeshua e i suoi discepoli abbiano insegnato la Kabbalah, ma è una mia opinione... so solo che la Kabbalah cancella ogni differenza, ogni separazione, ogni disputa intellettuale. Perciò ne ho parlato qui.
Un abbraccio
Janira
Messaggi: 706
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 16:13

Re: La Kabbalah

Messaggio da Janira »

Tu scrivi:
NUOVA NASCITA , E' UN DONO DI DIO ...

È proprio così, da soli non potremmo fare nulla.

solo allora possiamo iniziare a comprendere ,anzi no a farci una vaga idea di DIO della vita ecc..ecc..

Molto di più, Stella, molto di più... con la nuova nascita inizia " la Rivelazione di Dio alle sue creature " ;)
speculator2
Messaggi: 781
Iscritto il: domenica 2 febbraio 2020, 22:27

Re: La Kabbalah

Messaggio da speculator2 »

Il particolarissimo dialogo tra Gesù e Nicodemo del vangelo di Giovanni e' un tipico esempio di dialogo fra maestro e discepolo latino discipulus Greco matethes che significa colui che all'inizio e durante l' apprendimento ripete esattamente o con poche variazioni gli insegnamenti del maestro.

Le nascite di nuovo sono ancoralmeno due: la prima richiede precedentemente un ritirarsi al mondo, entrare simbolicamente nel ventre della madre e poi nascere di nuovo. Senza questa prima nascita non si può vedere che vuol dire capire il regno; in pratica non capisci niente del regno; la seconda nascita è una nascita di acqua e di spirito che ha a che fare con lo spirito con l'acqua ed è un'altra cosa.

Non so se il modo in cui procede il dialogo tra Gesù e Nicodemo è tipico della cabala.
speculator2
Messaggi: 781
Iscritto il: domenica 2 febbraio 2020, 22:27

Re: La Kabbalah

Messaggio da speculator2 »

Il particolarissimo dialogo tra Gesù e Nicodemo del vangelo di Giovanni è un tipico esempio di dialogo fra maestro e discepolo latino discipulus che significa colui che all'inizio e durante l'apprendimento ripete esattamente o con poche variazioni gli insegnamenti del maestro.
Le nascite di nuovo sono state almeno due: la prima richiede precedentemente un ritirarsi al mondo, entrare simbolicamente nel ventre della madre, e senza questa nascita non si può vedere che vuol dire capire il regno di Dio: in pratica non capisci niente.
La seconda nascita è una nascita di acqua e di spirito che ha a che fare n
con lo spirito e con l'acqua è un'altra cosa.
Rispondi