Confidenziale

Avatar utente
Gianni
Site Admin
Messaggi: 10158
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 10:16
Località: Viareggio
Contatta:

Re: Confidenziale

Messaggio da Gianni »

Di argomenti biblici da discutere ce ne sono infiniti. Noiman ha menzionato l'ermeneutica biblica. Forse, per conoscere bene (e capire) la Scrittura è bene partire da qui. E magari si potrebbe iniziare dall'antropologia biblica. Quando infatti si traduce dall'ebraico all'italiano occorre tradurre anche una seconda volta: dall'orientale all'occidentale. Per fare un esempio, cosa intende il salmista quando prega: "Scrutami, Yhvh, provami, raffina i miei reni e il mio cuore" (Sl 26:2)?
Margo27@live.it
Messaggi: 64
Iscritto il: sabato 3 febbraio 2024, 10:55

Re: Confidenziale

Messaggio da Margo27@live.it »

Il salmista chiede al Signore di indagare i suoi sentimenti, le sue emozioni e i suoi pensieri.
stella
Messaggi: 4012
Iscritto il: giovedì 3 aprile 2014, 17:44

Re: Confidenziale

Messaggio da stella »

Solo un momentino ,...hai ragione GIANNI ..
Se però manca lo studio, rimane solo il fare salotto. e noi credo un po' tutti non vogliamo fare solo salotto ...
SI MARGOT .. giusto ,.. il salmo tutto e' bellissimo profondo e poi ..''Il salmista chiede al Signore di indagare i suoi sentimenti, le sue emozioni e i suoi pensieri.'' DAVID mostra umilta ,,,chiede a DIO di metterlo alla prova ,..si riconosce quel che e' ..

GIANNI io credo che chiunque con la bibbia ha un po di dimestichezza dico dimestichezza non conoscenza ,..la conoscenza e' altro ...sa cosa vuol dire RENE ...CUORE .. .biblicamente parlando ..
comunque c'e il tuo studio che lo spiega bene ..io leggo tutto o quasi ..

.https://www.biblistica.it/?page_id=954 ..

non mi prolungo mi sembra vi chiedete perche qui c'e affluenza ...
che dire ,forse non tutti sono portati per studi profondi o come dire cercare il ''pelo nell'uovo'' ...sapete ognuno accende il fuoco ,con la legna che ha ... :-??

GIANNI tu hai sempre ragione ..oppure la vuoi allora ci rinunciano .. :-?? posso sbagliarmi ,,,ma non trovo un'altra risposta ..

non mi prolungo per non entrare in privato dopo 2 mesi ,il mio problema di salute mi ha ''debellata '' .

vorrei solo condividere con voi ..

...MAMELE ...PICCOLA MADRE, in yiddish in onore a tutte le mamme e non solo ..

https://www.youtube.com/watch?v=MvE2b_F0-qY

PICCOLA MADRE, in yiddish. Questo è un omaggio alle madri di tutte le generazioni, ma anche alle nonne e alle zie, nonché a tutti coloro che hanno donato il loro amore affinché i loro figli potessero crescere sani e al massimo delle loro potenzialità. Gli autori sono ebrei polacchi emigrati negli Stati Uniti, in fuga dalle persecuzioni dell'inizio del XX secolo, e i testi originali sono in inglese. L'autrice della versione yiddish, Miriam Kressyn, è stata un'attrice pioniera del teatro yiddish negli Stati Uniti, nonché cantante, sceneggiatrice e paroliere. Traduzione: Quando ti vedo, stai accendendo le candele dello Shabbat; La presenza divina riposa e illumina il tuo volto. Ogni parola è sacra, così lo è questo posto. La luce sia benedetta. Mamma, con affetto ti chiamo mamma. Occhi stanchi, mani fragili, hai un cuore d'oro e capisci ogni bambino. Ricordo quando mi calmasti, bambina di appena 3 anni, avevo tanto bisogno di te; Come mi hai messo sulle tue ginocchia, e con un bacio hai asciugato ogni lacrima. La sua testa è bianca come la neve che cade. Dio, quanto mi addolora che tu sia grigio e invecchi. Mamma, mia piccola mammina, sii benedetta da Dio..

stella DIO vi benedica ..
noiman
Messaggi: 2036
Iscritto il: domenica 20 aprile 2014, 22:41

Re: Confidenziale

Messaggio da noiman »

Ma che dire …. Margot ha letto bene, in traduzione il significato che voleva rendere l’autore di Tehilim era quello, è curioso che non venga menzionato il cervello che sappiamo oggi che è la centrale sensoriale di tutto e l’hardware , ma secondo voi dove sta il software, è forse l’anima? :-O
Ma ignorando il cervello, a parte le teste rotte, gli antichi attribuivano le esperienze sensoriali in quello che si muoveva nel corpo, cuore, visceri e altro compreso il fegato era un una cartina tornasole della salute. Poi lo sanno anche i muri che Nakon significa, “saldo, stabile, valore gematrico 126, pari ai neutroni del piombo che sembra essere è l’elemento più stabile mentre il ferro stranamente è quello più diffuso…. Senza perderci in questo caso il salmista intendeva indagare i suoi sentimenti, le sue emozioni e i suoi pensieri. Niente di più :-O

Si può studiare la scrittura nel suo significato originale, questo è quello che cerchiamo di fare in questo forum , analizzando le parole contenute nel testo originale e le loro connessioni come dimostra lo studio di Gianni, e non credo che questo sia un ostacolo a quanti leggono e non intervengano.
Poi:
GIANNI tu hai sempre ragione oppure la vuoi allora ci rinunciano .. posso sbagliarmi ,,,ma non trovo un'altra risposta
.

Stella non è carino per niente….
Gianni non ha sempre ragione ma nessuno di noi sa tutto e sa spiegare tutto, in questo caso se fossi stato al posto di Gianni di avrei evitato un tale approfondimento in una sezione del forum che è un salotto, in cui i partecipanti prima di entrare nella stanza di studio si rilassano e si conoscono, nessuno si dovrebbe misurare con la legna che ha in casa, asciutta o bagnata.
Di fatto non si può dare la colpa a Gianni se il forum è silente, chi ha rinununciato probabilmente non ha nulla da aggiungere.
Direi Stella che devi cercare altre risposte cerca di guarire, non hai idea di quanto ci leggono che soffrono più di te e me, tanti….
Noiman
Margo27@live.it
Messaggi: 64
Iscritto il: sabato 3 febbraio 2024, 10:55

Re: Confidenziale

Messaggio da Margo27@live.it »

Buongiorno Noiman, ti sintetizzo secondo me cosa è l'anima:
La Scrittura afferma che i morti sono morti, che non rimangono di loro che i componenti chimici, ciò che viene dalla terra (vedi Gn 3:19). L’anima, nella Bibbia, significa l’essere umano nella sua totalità, lo spirito che la Scrittura ci dice torna a Dio è invece la sua individualità, e il corpo è l’espressione visibile della personalità. La Scrittura afferma che se Cristo è venuto a morire per l’uomo, e ciò significa che l’uomo non può continuare a vivere se non in Cristo (Gv 3:16; Rm 2:7 ovviamente questo è valido per chi crede nelle Scritture Greche). La Bibbia con l’espressione anima, presenta l’uomo intero nelle sue varie manifestazioni. Se si togliesse il nesamah (principio vitale) alla polvere, il basar, sarebbe inanimata (vedi ecclesiaste 12:9; Salmo 104:29). Nel libro dell’Ecclesiaste è scritto che: “i viventi sanno che moriranno; ma i morti non sanno nulla e per essi non c’è più salario, poiché la loro memoria è dimenticata. Il loro amore come il loro odio e la loro invidia sono da lungo tempo periti, ed essi non hanno più né avranno mai alcuna parte in tutto quello che si fa sotto il sole (Ec 9:5,6). Oppure il Salmo di Davide “Poiché nella morte non c’è memoria di te; chi ti celebrerà nel soggiorno dei morti?” (Sl 6:5). del peccato. La prima morte ha una durata limitata ed è causata da malattie, incidenti, vecchiaia. Essa è di natura temporanea e Yeshua la chiama anche sonno. La seconda morte, o morte seconda, è quella eterna ed è una morte irrevocabile, totale dell’essere umano. Nel Vangelo di Matteo Yeshua afferma: "E non temete coloro che uccidono il corpo, ma non possono uccidere l’anima; temete piuttosto Colui che può far perire l’anima e il corpo nella geenna" (Mt 10:28). Yeshua parla di due tipi di morte. La prima, il sonno riguarda il corpo, l'altra, la morte eterna del corpo e dell'anima, cioè di tutto l'essere umano. In Matteo al capitolo dieci, Yeshua distingue il corpo dall'essere interiore cioè il suo carattere, la sua identità, il suo pensiero, i suoi sentimenti, il suo volere. Paolo lo definisce l'uomo interiore (Ef 3:16). Yeshua ci avverte che: la prima morte non può cancellare quest'uomo interiore, ma la seconda Si! La Scrittura lo dice chiaramente: “Prima che la polvere torni alla terra com'era prima, e lo spirito torni a Dio che l'ha dato” (Ec 12:9); In sostanza, il corpo si decompone nella fossa, ma l'uomo interiore, l'identità individuale viene conservata nella memoria di Dio. E in che consiste la seconda morte? La seconda morte è il salario del peccato, è l'impossibilità di una resurrezione a vita eterna. La scomparsa dell'identità individuale.
Mi piacerebbe sapere l'anima per te cosa è?
Avatar utente
Gianni
Site Admin
Messaggi: 10158
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 10:16
Località: Viareggio
Contatta:

Re: Confidenziale

Messaggio da Gianni »

Dunque …

Noiman giustamente osserva che avrei dovuto evitare un approfondimento in una sezione del forum che è un salotto. Giusto. Capita tuttavia a volte di fare interventi nella sezione sbagliata, e me ne scuso; comunque, ormai siamo qui e concludo. Se poi, come mi auguro, affronteremo biblicamente una qualche questione che da qui emerge, apriremo un’apposita discussione.

Il salmista intendeva indagare i suoi sentimenti, le sue emozioni e i suoi pensieri? In verità, in Sl 26:2 il salmista sta pregando Dio e gli dice: "Scrutami, Yhvh, provami, raffina i miei reni e il mio cuore". Che c’entrano i sentimenti? Per gli ebrei biblici i sentimenti avevano la loro sede negli intestini. Nelle Scritture Greche c’è un passo in cui è detto che Yeshùa si commosse; il passo è scritto sì in greco, ma è pensato in ebraico: se lo traduciamo come effettivamente dice, leggiamo che a Yeshùa gli si smossero gli intestini. Il traduttore volge in occidentale e immagino che lo faccia per evitare che un semplice capisca fischi per fiaschi credendo che il rabbi di Nazaret avesse mal di pancia! Però, perché non si fa altrettanto con Sl 26:2? Tradotto in occidentale, il salmista si denuda di fronte a Dio e gli chiede di indagare la sua coscienza (i reni, biblicamente intesi) e la sua mente (il cuore, biblicamente inteso).
Tra l’altro, questo passo è di notevole rilevanza psicologico-spirituale. Il credente o la credente di oggi, nel chiedere a Dio di passare al setaccio la sua coscienza e la sua mente, è obbligato o obbligata per forza di cose a pensarci lui o lei pure, e così emergono dal suo intimo più profondo pensieri reconditi e forse qualche senso di colpa. La richiesta di essere esaminati da Dio diventa in tal modo un autoesame al cospetto di Dio. Ne verrà un esame di coscienza, forse una richiesta di perdono e di aiuto, un proponimento. Di sicuro un’autoconoscenza consapevole.

Noiman menziona tra l’altro, scherzandoci, il fegato; poi osserva che è curioso che non venga menzionato il cervello e domanda se forse è l’anima.

Fegato. La Bibbia menziona pochissime volte il fegato e solo una volta quello umano. Siccome nei paesi vicini a Israele il fegato era ritenuto importantissimo e dal suo esame si ricavano presagi, immagino che il fegato sia stato volutamente trascurato per le sue implicazioni pagane.

Cervello. Di sicuro gli antichi conoscevano il cervello, ma non erano in grado di abbinarlo alla mente. In realtà, la mente ha bisogno del cervello per operare, ma non è il cervello. Sarebbe interessante avviare un’indagine biblica sulla testa, sul cervello e sulla mente.

Anima. Va detto chiaramente: non esiste un solo versetto in tutta la Bibbia in cui ci sia un termine che possa essere tradotto “anima”. La parola biblica è nèfesh, che Margo27 ha spiegato molto bene. Non significa mai “anima”. In Genesi 2:7, quando è detto che l’essere umano “divenne una nèfesh vivente”, al massimo si potrebbe tradurre “un’animale vivente”, ma mai “anima”. Le risposte che darebbero gli ebrei di oggi in merito all’anima sono imbarazzanti, perché risentono della contaminazione della filosofia pagana greca.

In conclusione, mi piace richiamare le parole di Noiman: Si può studiare la Scrittura nel suo significato originale, questo è quello che cerchiamo di fare in questo forum, analizzando le parole contenute nel testo originale e le loro connessioni.

Buona nuova settimana (che biblicamente inizia oggi) a tutti.
Margo27@live.it
Messaggi: 64
Iscritto il: sabato 3 febbraio 2024, 10:55

Re: Confidenziale

Messaggio da Margo27@live.it »

Buongiorno Gianni, se intraprendi un'indagine biblica sulla testa, sul cervello e sulla mente, io ti seguo volentieri.
Avatar utente
Gianni
Site Admin
Messaggi: 10158
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 10:16
Località: Viareggio
Contatta:

Re: Confidenziale

Messaggio da Gianni »

Anche io, insieme a te, seguirò volentieri e parteciperò se qualcuno o qualcuna del forum aprirà una dicussione, magari iniziando a porre domande in merito.
ARIANNA
Messaggi: 151
Iscritto il: sabato 13 gennaio 2018, 18:42
Località: Bari

Re: Confidenziale

Messaggio da ARIANNA »

Ciao a tutti.
Argomento interessante.
Si confonde spesso la parola anima volendo magari riferirsi a diversi concetti.
L'uomo ha una identità, un'essenza, una matrice che ci rende unici e ci fa dire :<<Io sono io>>. Questa torna a Dio una volta morti e verrà restituita alla resurrezione.
C'è anche la componente psichica intesa come il bagaglio di informazioni depositate nell' inconscio.
Altro è il soffio vitale, ciò che rende un uomo una nefesh. Infatti leggendo Genesi si riscontra che non è bastato creare un corpo prendendo una manciata di terra; Dio gli ha soffiato nelle narici l'alito vitale, la forza vitale che gli permette di vivere in tutto e per tutto. L' uomo stesso è un anima.
Possiamo capire questo punto riferendoci allo stato di coma. Le funzioni vitali fanno il loro corso, il cuore batte, (possono finanche ascoltare )ma non hanno quello stato di coscienza che li rende presenti e " vivi".
Poi c'è lo spirito dell'uomo che è in lui : il ruakh. È ciò che ci differenzia dagli animali, la capacità di pensare e ragionare.
Ne va che se è degli uomini agli animali non appartiene; mentre questi ultimi sono pur sempre vivi grazie alla neshamah (la forza vitale suddetta).
Avatar utente
Gianni
Site Admin
Messaggi: 10158
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 10:16
Località: Viareggio
Contatta:

Re: Confidenziale

Messaggio da Gianni »

Arianna ... :YMAPPLAUSE: Ottima sintesi.
Rispondi