La Kabbalah

Janira
Messaggi: 706
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 16:13

Re: La Kabbalah

Messaggio da Janira »

Gianni aveva scritto che gli hanno sconsigliato lo studio dello Zohar perché inarrivabile. Secondo questo gruppo Bnei Baruch, in realtà è vero per ogni libro kabbalista, inclusa la Torah, se cerchiamo di comprenderla solo con il nostro intelletto.
Ma se invece usiamo il libro come mezzo per connetterci alla forza superiore, di cui era riempito l'autore stesso, tutti i segreti del libro si sveleranno a poco a poco, perché aumenterà la nostra crescita spirituale.
Janira
Messaggi: 706
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 16:13

Re: La Kabbalah

Messaggio da Janira »

Vorrei riprendere il concetto di preghiera secondo la Kabbalah.
L'uomo vive la sua vita rincorrendo i piaceri: ha un desiderio, fa di tutto per realizzarlo e nel momento in cui ci riesce, basta poco tempo che il piacere e la soddisfazione spariscono. E così si riparte verso un altro desiderio, fino alla morte. Ma non è questo il proposito della creazione, perciò siamo "spinti dalla vita" verso qualcosa di diverso, attraverso la sofferenza. Allo stesso tempo, può accadere che nulla ci soddisfi più, nulla abbia più valore. Immersi nella sofferenza e nella disillusione, sorge in noi la domanda sul senso della vita e, quando siamo giunti al punto più basso, un desiderio struggente di ricevere un aiuto, una spiegazione, un perché. Questa, per la Kabbalah, è l'unica preghiera che viene esaudita immediatamente.
Janira
Messaggi: 706
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 16:13

Re: La Kabbalah

Messaggio da Janira »

bgaluppi ha scritto: lunedì 27 settembre 2021, 16:54 Janira, credo che un capitolo perfetto da analizzare sotto questa luce sia Gv 14. Il contesto specifico di questo capitolo è proprio la presenza/forza del Messia che può essere invocata.
Gv 14
Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore; se no, vi avrei detto forse che io vado a prepararvi un luogo? 3 Quando sarò andato e vi avrò preparato un luogo, tornerò e vi accoglierò presso di me, affinché dove sono io, siate anche voi; 4 e del luogo dove io vado, sapete anche la via».

Oggi ho trovato una lezione su questo articolo.
"
Questo significa che l’uomo deve prima purificare il suo cuore per essere una bella dimora annullando il desiderio di ricevere per se stesso ed abituandosi a lavorare in modo che tutte le sue azioni saranno solo con l’intenzione di dare."

Cit. da Shamati art.9
https://kabbalahmedia.info/it/sources/pTlets5W


In relazione alla necessità di creare un nuovo kli( vaso) per la giusta ricezione, trovo che sia un riferimento anche il versetto:

Mt 9:17 Neppure si mette vino nuovo in otri vecchi; altrimenti gli otri scoppiano, il vino si spande e gli otri si perdono; ma si mette il vino nuovo in otri nuovi e l'uno e gli altri si conservano».
Avatar utente
bgaluppi
Messaggi: 9812
Iscritto il: domenica 28 dicembre 2014, 8:13
Località: Torino

Re: La Kabbalah

Messaggio da bgaluppi »

Ciao Janira, credo che questo capitolo del Vangelo di Giovanni meriti un approfondimento a parte. Adesso apro una nuova discussione in merito.
Janira
Messaggi: 706
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 16:13

Re: La Kabbalah

Messaggio da Janira »

Bene, buona idea. :-)
Avatar utente
bgaluppi
Messaggi: 9812
Iscritto il: domenica 28 dicembre 2014, 8:13
Località: Torino

Re: La Kabbalah

Messaggio da bgaluppi »

Janira ha scritto: mercoledì 29 settembre 2021, 12:01 Bene, buona idea. :-)
https://www.biblistica.eu/phpbb/viewtop ... 490#p72490
Janira
Messaggi: 706
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 16:13

Re: La Kabbalah

Messaggio da Janira »

Questo è il primo articolo del libro Shamati.
Non esiste nulla tranne Lui

https://kabbalahmedia.info/it/sources/hFeGidcS
Janira
Messaggi: 706
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 16:13

Re: La Kabbalah

Messaggio da Janira »

Dall'articolo 600000 anime di Baal HaSulam

https://www.kabbalah.it/libreria/yehuda ... 000-anime/

"E quando un’anima di Israele sarà purificata da tutta la sua sporcizia, essa attirerà su se stessa l’intera anima di Atzilut, e attraverso di essa, tutte le anime della sua generazione saranno complete. Questo è il significato dell’essere dipendente dall’altro, come è scritto (Sanhedrin, 11): “Era giusto che la Divinità fosse su di lui, ma la sua generazione non era degna di essa”"
Rispondi