Coscienti o dormienti ?

Coscienti o dormienti ?

Messaggioda Max » mercoledì 6 novembre 2019, 1:08

Salve a tutti,mi piacerebbe condividere con voi questa apparente contraddizione che troviamo nelle lettere dell'apostolo Paolo. Dico apparente,perché nn penso che la Bibbia possa contraddirsi.
Spero, grazia al vostro aiuto di poter interpretare bene cosa voglia dire l'apostolo Paolo in questi versetti.

Sono spinto da opposti desideri: da una parte desidero lasciare questa vita per essere con Cristo, e ciò sarebbe certamente per me la cosa migliore!;
Filippesi 1:23 ICL00

In questo versetto,sembri propio che Paolo desideri lasciare questa vita( morire) per essere con Cristo.
Da quello che si deduce continuando a leggere,Paolo nn sta parlando di qualcosa che accadrà quando tornerà Yeoshuá.
Questa sua affermazione si contraddice con ciò che lo stesso apostolo dichiara in 1 Tessalonicesi 4:13-18, dove afferma:
Fratelli, voglio che siate ben istruiti su ciò che riguarda i morti: non dovete continuare a essere tristi come gli altri, come quelli che non hanno nessuna speranza. Noi crediamo che Gesù è morto e poi è risuscitato. Allo stesso modo, crediamo che Dio riporterà alla vita, insieme con Gesù, quelli che sono morti credendo in lui. Come ci ha insegnato il Signore, io vi dico questo: noi che siamo vivi e che saremo ancora in vita quando verrà il Signore, non avremo alcun vantaggio su quelli che saranno già morti. Infatti in quel giorno sentiremo un ordine, la voce dell’arcangelo e il suono della tromba di Dio. Il Signore scenderà dal cielo, e allora quelli che sono morti credendo in lui risorgeranno per primi. Noi, che saremo ancora vivi, saremo portati in alto, tra le nubi, insieme con loro, per incontrare il Signore. E da quel momento saremo sempre con il Signore. Dunque, consolatevi a vicenda, con questi insegnamenti.
1 Tessalonicesi 4:13‭-‬18 ICL00
Avatar utente
Max
 
Messaggi: 22
Iscritto il: mercoledì 28 febbraio 2018, 17:40
Località: Sicilia (Ct)

Re: Coscienti o dormienti ?

Messaggioda Max » mercoledì 6 novembre 2019, 1:14

Vi chiedo scusa in anticipo per gli errori grammaticali che troverete
Avatar utente
Max
 
Messaggi: 22
Iscritto il: mercoledì 28 febbraio 2018, 17:40
Località: Sicilia (Ct)

Re: Coscienti o dormienti ?

Messaggioda Gianni » mercoledì 6 novembre 2019, 10:35

Scusa, Max, ma non ho capito dove starebbe la contraddizione.
Avatar utente
Gianni
Site Admin
 
Messaggi: 6869
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 11:16
Località: Viareggio

Re: Coscienti o dormienti ?

Messaggioda mimymattio » mercoledì 6 novembre 2019, 13:24

Ciao Max, la Bibbia si contraddice innumerevoli volte e non c'è nulla di scandaloso. Di contraddizioni ne trovi sia nell'antico che nel nuovo testamento, pensare che la Bibbia sia senza errori é solo un atto di fede e superficialità.

Fatta questa importante e doverosa premessa, non ho capito quale sarebbe la tua domanda nello specifico.
mimymattio
 
Messaggi: 1246
Iscritto il: domenica 16 luglio 2017, 18:31

Re: Coscienti o dormienti ?

Messaggioda Max » mercoledì 6 novembre 2019, 14:46

Scusate se nn mi sono spiegato bene,Paolo nella lettera ai Filippesi,dichiara il suo desiderio di unirsi a Cristo. Perché l'apostolo dovrebbe desiderare la morte (addormentarsi) se lui stesso dichiara nella lettera ai Tess 4:13-18,che saremo con cristo solo al suo ritorno,grazie alla resurrezione.
Piu avanti lo stesso Paolo dichiara:
Voglio solo conoscere Cristo e la potenza della sua risurrezione. Voglio soffrire e morire in comunione con lui, nella speranza di giungere anch’io alla risurrezione dei morti.
Filippesi 3:10‭-‬11 ICL00.
Qui ritorna all'insegnamento che lui stesso rilasciò ai Tessalonicesi.
Avatar utente
Max
 
Messaggi: 22
Iscritto il: mercoledì 28 febbraio 2018, 17:40
Località: Sicilia (Ct)

Re: Coscienti o dormienti ?

Messaggioda Max » mercoledì 6 novembre 2019, 14:52

Cosa ne pensate,alla nostra dipartita,saremo con Cristo o ci addormenteremo nell'attesa del suo ritorno?
Avatar utente
Max
 
Messaggi: 22
Iscritto il: mercoledì 28 febbraio 2018, 17:40
Località: Sicilia (Ct)

Re: Coscienti o dormienti ?

Messaggioda mimymattio » mercoledì 6 novembre 2019, 15:29

Max, riguardo alla contraddizione che evidenzi credo che in realtà il pensiero di Paolo possa essere inteso nel suo desiderio di porre fine alle sue sofferenze (e quindi morire) nella speranza che un giorno risorgerà come ha fatto Gesù.

Questo é ciò che ti posso dire a livello testuale e di analisi sul pensiero paolino. Riguardo al mio parere personale sulla resurrezione non posso risponderti, perché svincola totalmente dall'impostazione di questo forum che si attiene (o almeno dovrebbe) solamente al testo biblico. Ti posso però certamente dire che Paolo, nelle sue lettere autentiche, è totalmente contrario ad una resurrezione nel presente (il suo presente, ovviamente) e rimanda quel momento al futuro, non al momento della morte di una persona.
mimymattio
 
Messaggi: 1246
Iscritto il: domenica 16 luglio 2017, 18:31

Re: Coscienti o dormienti ?

Messaggioda Gianni » mercoledì 6 novembre 2019, 17:08

Questione complessa. Comunque ora ho capito la tua domanda, Max.

C’è da dire che all’inizio la prima chiesa credeva che il ritorno di Yeshùa fosse imminente. La lettera ai filippesi potrebbe appartenere al periodo in cui si credeva al ritorno di Yeshùa in quella generazione. Nella prima lettera ai tessalonicesi Paolo rettifica tale idea. Questa potrebbe essere una spiegazione. Io ne ho personalmente un’altra: sono convinto che gli eletti abbiamo alla morte una specie di attestazione e assicurazione che saranno con Yeshùa. Se così è, tra l’addormentarsi nel sonno inconsapevole della morte ed essere risuscitati è come un batter d’occhio, anche se passano anni o secoli.

Mattia, attenzione a dire che la Bibbia si contraddice. Questa impressione può nascere dalla diversa mentalità che noi occidentali abbiamo nel leggere la Scrittura. La mentalità semitica è diversa.
Il gusto di mettere a fuoco i singoli particolari del problema crea delle presunte contraddizioni secondo il nostro gusto occidentale, amante di sintesi panoramiche. Così, tanto per fare degli esempi, nel presentare la giustizia divina, gli scrittori sacri sembrano dimenticare l'amore, ma quando parlano dell'amore di Dio, sembrano affermare che in lui non vi sia giustizia alcuna. Talora Dio è presentato come padrone assoluto di tutti, cosicché nessuno gli può dire: Che cosa fai? Secondo questo schema semitico, per un occidentale l'uomo sembra perdere tutta la sua libertà. Altrove, poi, sembra che tutto dipenda dall'uomo e che Dio possa ricevere da lui addirittura uno scacco matto. La fede ci giustifica senza le opere, dice Paolo (Rm 4:1-12); ma la fede, senza le opere dettate dalla Legge, è sterile e vana, afferma Giacomo (2:14-19). I due autori si accordano quando si pensa che trattano due aspetti dello stesso problema: a chi esaltava troppo le opere (in una maniera legalistica) Paolo presenta la fede come se tutto dipendesse da essa; a chi invece insiste sulla pura fede, Giacomo presenta la necessità delle opere come le uniche realtà necessarie. Per dirla secondo le categorie mentali occidentali: praticare le opere della Toràh (le mitzvòt, i precetti) con l’intento di avere la salvezza è inutile, esse vanno praticate come risposta a Dio, ubbidendo con gratitudine per la salvezza che ci reca con Yeshùa.
Avatar utente
Gianni
Site Admin
 
Messaggi: 6869
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 11:16
Località: Viareggio

Re: Coscienti o dormienti ?

Messaggioda mimymattio » mercoledì 6 novembre 2019, 18:17

Gianni, ci sono tantissime contraddizioni ed errori nella Bibbia, molti non dovuti alla sola questione della mentalità. I Vangeli ne sono un esempio lampante, e non credo nemmeno che sia necessario fare un elenco. Ovviamente non mi riferivo alle contraddizioni "teologiche" che ci sono (come potrebbe non essere così per un libro costituito da vari libri scritti nel corso di vari secoli da scrittori diversi!) e che si possono spiegare semplicemente perché ogni autore aveva la propria visione; ma io mi riferivo proprio agli errori e alle contraddizioni storiche/sociali/geografiche che percorrono l'intera Bibbia. Immagino sia una realtà inquietante e sostanzialmente drammatica per la fede, ma da non credente non posso non evidenziare i sopracitati errori che gli occhi della fede cercano di non vedere.
mimymattio
 
Messaggi: 1246
Iscritto il: domenica 16 luglio 2017, 18:31

Re: Coscienti o dormienti ?

Messaggioda Gianni » mercoledì 6 novembre 2019, 18:23

Mattia, puoi sempre aprire una discussione. Ma, se lo fai, un punto alla volta, per favore. :-)
Avatar utente
Gianni
Site Admin
 
Messaggi: 6869
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 11:16
Località: Viareggio

Prossimo

Torna a Scritture Greche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti