Interpretazione delle Scritture Ebraiche

Re: Interpretazione delle Scritture Ebraiche

Messaggioda Michele » domenica 20 gennaio 2019, 23:32

Io credo che qui dentro, tutti apprezzino la tua parola. :-)
Avatar utente
Michele
 
Messaggi: 2410
Iscritto il: martedì 1 aprile 2014, 11:51

Re: Interpretazione delle Scritture Ebraiche

Messaggioda bgaluppi » domenica 20 gennaio 2019, 23:40

Noiman, scusami se non mi sono fatto capire bene. Mi ha solo fatto sorridere la spontaneità di Michele... Il tuo intervento - prezioso come sempre - non c'entra niente! :-)
Avatar utente
bgaluppi
 
Messaggi: 8715
Iscritto il: domenica 28 dicembre 2014, 8:13
Località: Torino

Re: Interpretazione delle Scritture Ebraiche

Messaggioda noiman » lunedì 28 gennaio 2019, 14:47

Avevo pensato di lasciare perdere questa discussione e anche questa cartella , poi riflettendoci meglio, ho considerato che era brutto lasciare le cose sospese, quindi ho scelto un compromesso e ho rivisitato quanto era in programma di aggiungere, riducendo di molto il testo e le parti di difficile comprensione,

Mi sono convinto che anche una spiegazione su come il giudaismo considera le figure “angeliche”, sarebbe stata anche troppo complessa , a questo punto ho rinunciato a lavorare sulla spiegazione che avrebbe incluso qualche elemento inedito rispetto a quello che si trova comunemente in internet, non avendo ancora iniziato mi tengo fuori dalla discussione avendo la certezza che alla maggior parte dei forumisti preferiscono le cose più semplici che si trovano nel web tramite motori di ricerca che in genere non sono in grado di pescare nelle profondità, (come lenze e reti che nel mare pescano dove possono e come possono).
Proseguo:

Ritorniamo indietro esaminando alcune stranezze testuali che sfuggono nelle traduzioni, la prima volta D-o dice “ Io sarò quello che sarò” poco dopo istruisce Moshè dicendogli che” "Io sarò è quello che mi manda a voi.
Nella prima parte può essere considerato un nome e nella seconda parte.?
Occorre forse una nuova interpretazione testuale ?
D-o si fa chiamare אהיה“ io sarò” ma il popolo lo può chiamareיהיה “lui sarà.”
La Torah viene dal cielo la tradizione sostiene che essa non possiede un inizio e una fine, però sempre la stessa tradizione afferma che quando sarà aggiunta la ו “vav” alla יהיה “ sarà”, leggeremo, יהוה , uno dei 70 nomi .
“Tieni nascosto il mio nome” . Quindi un nome che non è un nome, oppure che si scrive in un modo e si legge in un altro.
אמר רבי אבא בר ממל אמר ליה הקב"ה למשה שמי אתה מבקש לידע לפי מעשי אני נקרא, פעמי שאני נקרא באל שדי, בצבאות, באלקים בה, כשאני דן את הבריות אני נקרא אליקים וכשאני עזשה מלחמה ברשעם אני נקרא צבאות, וכשאני תולה על חטאיו של אדם אני נקרא אל שדי, וכשאני מרחם על עזלמי אני נקרה ה', שאין ה' עלא מדת רחמים שנאמר ( שמות לך) ה'ה' אל רחום וחנון, הוי אהיה אשר אהיה אני נקרא לפי מעשי ''
שמות רבה פרשה
Ha detto Rav Abba bar Mamal: “Ha detto Kodòsch Baruch -Hu a Moshè tu chiedi di conoscere il mio nome, io sono chiamato in base al mio agire, a volte sono chiamato El Shaddày, Zvaòt (delle schiere), Elo-im, HaShem , il nome, quando siedo in giudizio delle creature sono Elohim, quando vado in guerra contro gli empi sono “delle schiere”, e quando sospendo il giudizio per i peccati dell’uomo sono El Shaddày, quando perdono in eterno sono Ha Shem, perché Ha Shem non si usa se non per l’attributo della pietà come è detto in Esodo33, HaShem Ha-Shem, Dio Pietoso e Longanime, quindi anche Sarò quel che Sarò è un appellativo rispetto a quello che compio”.(Shemot Rabbà Parashà .3)

Poi che si è affezionato a Me lo salverò. Lo esalterò perché ha riconosciuto il Mio nome, egli mi invocherà ed Io lo esaudirò, sarò con lui nel momento dell’angustia, lo libererò e gli darò onore … “ (tehilim 91/14) (salmi).

E stai attento a questo grande principio, perché tu devi sapere che tutte le cose che stiamo attenti a non fare o che noi facciamo oggi, non le facciamo altro che in virtù dell’ordine del Signore per mezzo di Moshè, e non perché il Signore lo ha comandato ai Profeti che lo hanno preceduto”(Mishnà)

Il midrash afferma che per convincere il faraone sarebbe sufficiente il Nome di “El Shaddai”, ma per liberare dalla schiavitù in Egitto le loro anime si resero necessarie nuove rivelazioni.
Va’ dunque, raccogli gli anziani di Israele e di loro: “Iddio dei vostri padri, Iddio di Abramo, Isacco Jacov , mi si è rivelato dicendomi: Io vi ho visitato ed ho veduto come siete trattati in Egitto”(shmot3/16) (esodo).
Una curiosità: l’espressione פקד פקדתי אתכם “paqòd paqadti etchèm” .” vi ho visitato” sono le stesse parole che Josef pronuncio due volte prima di morire.
“D-o si ricorderà di Voi” e vi farà uscire da questo paese.

“E il Signore rispose :”Io sono quello che sono, e aggiunse :Io sono, mi manda a voi
L’incomprensione delle parole ebraiche “Io sono colui che sono, Poi disse “Così dirai ai figli di Israele: ”L’io sono mi ha mandato a voi
” (Shmot 3/14).
Fine
Noiman
noiman
 
Messaggi: 941
Iscritto il: domenica 20 aprile 2014, 22:41

Re: Interpretazione delle Scritture Ebraiche

Messaggioda Alen.chorbah » lunedì 28 gennaio 2019, 22:58

Per quanto riguarda me caro noiman piu cose so meglio è.... Per quanto riguarda gli angelia ritengo una cosa di importanza minore seppur interessante per uno studio. Poi ce chi invece ci fa delle questioni personali. Quindi spero tu possa magari dare qualche informazione ulteriore. :-)
Avatar utente
Alen.chorbah
 
Messaggi: 359
Iscritto il: venerdì 31 marzo 2017, 20:42

Re: Interpretazione delle Scritture Ebraiche

Messaggioda danilo bellazzi » martedì 29 gennaio 2019, 14:04

Buongiorno a tutti, mi permetto per la prima volta di intervenire dopo anni di silenziosa frequentazione del forum.
Intervengo per dire che all'inizio non capivo assolutamente nulla degli argomenti trattati. Poi a furia di rileggere, studiare, meditare etc. etc. un barlume di comprensione ( o quello che ritengo tale) si accendeva e si accende nella mia mia testa.
Questo per dire che per me più spiegate e
meglio è. Non lo capisco ora ma chissà, in un futuro lontano…..
Approfitto quindi per ringraziare di cuore tutti quelli che dedicano tempo e pazienza a scrivere ed a spiegare, il vostro lavoro non è sprecato, state facendo un' opera buona nei confronti degli "zucconi" come me. E scusate l' OT. #:-S
danilo bellazzi
 
Messaggi: 6
Iscritto il: sabato 15 agosto 2015, 9:35
Località: Vigevano

Re: Interpretazione delle Scritture Ebraiche

Messaggioda bgaluppi » martedì 29 gennaio 2019, 14:26

Caro Danilo, grazie. Personalmente, non sai quanto piacere mi faccia questo tuo messaggio. Siamo tutti zucconi. Io, dopo cinque anni di ininterrotta meditazione sulla Bibbia (giorno e notte) e oltre 7700 messaggi su questo forum, appena inizio a capire qualcosa. E più vado avanti e capisco, più mi rendo conto di quanto poco capisco... :YMAPPLAUSE:
Avatar utente
bgaluppi
 
Messaggi: 8715
Iscritto il: domenica 28 dicembre 2014, 8:13
Località: Torino

Re: Interpretazione delle Scritture Ebraiche

Messaggioda Gianni » martedì 29 gennaio 2019, 17:33

Antonio, ho più anni di te e forse studio la Scrittura da più anni di te, ma ti assicuro che ciò che hai detto corrisponde anche alla mia esperienza. La Sacra Scrittura assomiglia all'universo: ne vediamo una parte, solo quella visibile; coi i radiotelescopi "vediamo" oltre senza vedere; siamo stati sulla luna - che è a due passi - e ci sembra chissà che. Abbiamo mandato macchine esplorative su altri pianeti - che sono poco più in là di due passi - e ci sembra chissà che. La Bibbia è ancora più vasta e profonda dell'universo. Non rammento chi sia, ma un saggio ebreo disse che è come una bellissima donna che intravedi dalla serratura della porta di un castello davanti a cui stai passando. Affascinato, ti avvicini e metti occhio alla serratura per vederla meglio, ma lei ... è già scomparsa!

Vi segnalo che Danilo Bellazzi ha problemi di accesso. Voi che siete i "manovratori" del sito forse potete aiutarlo e scrivergli (immagino che voi abbiate accesso alla sua mail). Grazie! :-)
Avatar utente
Gianni
Site Admin
 
Messaggi: 6355
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 11:16
Località: Viareggio

Re: Interpretazione delle Scritture Ebraiche

Messaggioda bgaluppi » martedì 29 gennaio 2019, 18:30

:-)
Ok Gianni, sento Bruno.
Avatar utente
bgaluppi
 
Messaggi: 8715
Iscritto il: domenica 28 dicembre 2014, 8:13
Località: Torino

Re: Interpretazione delle Scritture Ebraiche

Messaggioda noiman » martedì 12 febbraio 2019, 22:47

“Malachim, gli “angeli” e il Nome”.

Esito nell’inserirmi in una discussione che ha come titolo “Satana nelle scritture ebraiche e greche”, la stessa definizione della cartella è già una forma di separazione, stiamo parlando di due mondi antichi che anche se confinanti nel tempo e nello spazio mostrano già dall’inizio una separazione essenziale , il conflitto tra il pensiero ebraico tradizionale e quello di matrice greca che era dominante già da qualche secolo in tutto il mondo antico, condizione che ha sicuramente influenzato coloro che scrissero i Vangeli.
Tutti oggi parlano di bibbia ma pochissimi possono disporre della possibilità di leggere anche solo in copia un testo originale, praticamente quasi nessuno ha l’accesso ai documenti conservati in biblioteche e musei blindati, i più bravi e qui ce ne sono alcuni provano a decifrare il greco “lingua sorgente” con vocabolari e grammatica per cercare di ritrovare un testo di destinazione che sfugga alle traduzioni disponibili, sappiamo che il greco antico come l’ebraico biblico sono di fatto lingue oggi estranee, nonostante questo primo serio impedimento ci riferiamo a decine di traduzioni che differiscono tra di loro in diverse parti sostanziali al punto che diventa quasi impossibile prendere delle decisioni testuali.
Traduzioni fatte da sconosciuti in più epoche con preparazione e competenza differente, sicuramente uomini di grande fede con storie personali dissimili e diversa onestà intellettuale.
Questo vale anche per le scritture ebraiche che nonostante la cristallizzazione del testo hanno prodotto molte forme di interpretazione favorite dalla possibile polisemia di una lingua che nella scrittura non era vocalizzata , di questa peculiarità della lingua gli esegeti antichi e moderni ne hanno fatto una base culturale chiamata “la civiltà del commento” .
Nella storia del giudaismo tradizione e rivelazione sono state sempre complementari , la cultura ebraica non ha fatto troppa distinzione tra la testualità e il suo commento, il risultato è un unico “corpus” dove la esegesi è assolutamente coesistente al testo originale, i due aspetti si intrecciano e si integrano in un unico pensiero che riduce di molto la temporalità e la logica della rivelazione come valore assoluto e consequenziale, l’opposto del pensiero greco per privilegia l’allegoria, chiave di lettura e comprensione dei testi omerici, per il pensiero ebraico antico non c’è un primo e un dopo nella Torah, definizione che apre scenari suggestivi della interpretazione su cui si baserà la speculazione cabalistica.

So benissimo che qualcuno potrà pensare che con questo metodo si può fare dire al testo qualunque cosa, in realtà a parte qualche eccezione il valore originale dell’ordine delle lettere non può essere sovvertito, di questo mi pare di avere già scritto qualche cosa nella cartella “interpretazione delle scritture ebraiche”.

Considerando che alcuni di voi ritengono le scritture ebraiche in una forma di sottomissione al N.T, volevo astenermi a introdurre materiale e riflessioni che già in partenza vengono mortificate dagli atteggiamenti di alcuni che ritengono di avere già in tasca la soluzione salvifica e sua relativa verità.

Questo che scrivo è dedicato a Antonio che con grande impegno sta affrontando praticamente da solo l’argomento più complesso che esiste nelle scritture, ho ridotto
di molto quello che avrei voluto postare.

Ho riletto con calma quasi l’intera discussione e ho ritrovato nelle parole di Dalila alcune osservazioni interessanti che mi ricordano una lunga serie di discussioni comparse qualche anno fa con una simpatica partecipante che credo oggi non ci scriva più almeno con il vecchio nickname.
Osservo che la materia angelica che anima la discussione rimane quasi sempre una caratteristica del pensiero cristiano che si deve confrontare con la madre ebraica e una matrigna greca che ha impregnato e compromesso il pensiero originale .
Bisogna anche considerare che gli ebrei vissuti nell’epoca del secondo tempio hanno vissuto esperienze diverse spesso soggette al pensiero che hanno modificato il “commento” pur lasciando inalterate le scritture eredità dei padri, di conseguenza sono scaturite interpretazione supplementari riguardo le manifeste o meno presenze angeliche o spirituali accanto a D-o, nonostante questo aspetto è rimasta indenne l’idea antica quasi centralizzata che ha impedito ogni sovrascrittura e interpretazione in chiave di adorazione delle presenze angeliche. Cosa non da poco !

Per quanto mi pare di capire il cristianesimo ha subito una “insufflazione” e poi assimilato elementi che erano confinati nelle religioni dei popoli pagani fino a quel momento mantenuti a distanza dal severo monoteismo ebraico.

La presenza angelica era già contenuta e sviluppata nel pensiero rabbinico nell’epoca della compilazione della Misnàh e poi del midrash.

Ed ha detto Rabbi Jeoshua ben Levì: “Nell’ora in cui salì Moshè nell’eccelso dissero gli Angeli del Servizio dinanzi al Santo Benedetto Egli Sia: “Padrone del Mondo! Che ci fa un nato da una donna tra di noi? Disse loro: “È venuto a ricevere la Torà”.
( TB Shabbat , 89a).

Rabbi Shimon ha detto: “ nel momento in cui Dio si apprestava a creare il primo uomo, gli angeli che lo servivano si opposero, formando due gruppi: gli uni sostenevano che bisognava crearlo, gli altri invece che non avrebbe dovuto vedere la luce. Come è scritto: “misericordia e verità si scontreranno, giustizia e pace si urteranno” (Salmi 85/11.”L’amore diceva: “Che sia creato, perché ricompenserà il bene”; la verità diceva: “Che non sia creato, perché sarà tutto menzogna” . La giustizia diceva: “Che sia creato, perché sarà giusto” la pace diceva:”Che non sia creato, perché tutto sarà una lite”. Cosa fece Dio? Prese la verità e la gettò a terra, come è scritto: “ fu gettata a terra la verità”( Daniele 8/12). Allora gli angeli che lo servivano dissero: “l Signore dell’Universo, come Ti permetti di umiliare la Tua verità?” E Dio rispose: “ E’ dalla terra che la verità deve sollevarsi, come è scritto:” la verità germoglierà dalla terra “ (salmo 85/12) (….) Mentre gli angeli discutevano fra di loro, Dio aveva creato l’uomo. Disse loro:” Perché discutete ancora ? L’uomo è già stato creato”
(Bereshit Rabbà 8/5)


Possiamo quindi affermare che la presenza angelica era già presente , tuttavia per capire di più bisogna ricercare la matrice del pensiero originale nelle scritture ebraiche più antiche.
Prima di proseguire è utile chiarire il termine מלאך “malàch” tradotto abitualmente come angelo è assolutamente fuorviante dal significato originale che riconosceva il giudaismo.
La radice di questo nome deriva da le consonanti לכ “inviare”. I מלאכים sono quindi dei messaggeri che per incarico divino mettono in comunicazione i mondi superiori con quelli inferiori e in questo incarico D-o se ne serve.
Secondo il giudaismo quando questi esseri entrano nella nostra dimensione assumono una dimensione fisica, diventano uomini che mangiano e fanno tutto quello che fanno gli umani, esattamente come vide Avrahàm, Jacov e altri.
Pur essendo autonomi il loro nome è spesso associato a quello di D-o, ecco che compare l’Angelo del Signore” con una missione divina da compiere, questo lo capiamo leggendo le scritture.
E’ abbastanza raro che venga menzionato il loro nome, tuttavia sappiamo che “Micha’el e Gabri’el” “Rafa’el” vengono menzionati con un identificativo, in realtà il loro nome è connesso all’incarico per cui sono stati inviati, il nome è un appellativo della loro personalità i nomi hanno un aspetto “teoforico” e strettamente connessi secondo l’incarico che hanno ricevuto, rivelati nel mondo terrestre con una funzione ortopratica per agire nella dimensione materiale.
I loro nomi sono custoditi con molta attenzione , conoscere il Nome di una creatura celeste è come possedere e comprendere la loro profonda essenza e di conseguenza il loro potere, questo lo capiamo leggendo:” E l’angelo rispose: Perché chiedi il mio nome, esso è misterioso” (Giuda 13/18)
A Moshè dopo l’uscita dall’Egitto viene detto:
“Ecco io mando un malach davanti a te per custodirti sul cammino per farti entrare nel luogo che ho preparato. Abbi rispetto della sua presenza, dai ascolto alla sua voce e non ribellarti a lui, egli infatti non perdonerebbe la vostra trasgressione, poiché il mio Nome è in lui (Shmot-Mispatim 23/20).

L’espressione בקרבו שמי “shemì’be-qirb(b)o” “il mio Nome è in lui”, ci ricorda l’altra affermazione “Shluchò shel adam kemotò” l’inviato di una persona è come la persona stessa, Moshè Idel afferma che “la divinità” si trova nel messaggero in virtù del Nome, la manifestazione angelica diventa azione.
Questo passo è stato interpretato dal cristianesimo come la rivelazione che l’angelo del Nome è l’annuncio della venuta di Gesù Cristo, Filone identifica il logos come il Figlio, aiutato anche il valore gematrico di “ben” “figlio” , Eliahu e Yaho’el, nel pensiero ebraico la visione ipostatica dell’angelo del Nome è comunque molto limitata, nessun angelo ha liberato Israele dall’Egitto, tutto il racconto della Hagadàh di Pesach attribuisce il miracolo alla volontà divina e al popolo sorretto da Moshè.

Spesso nel testo il malàch appare affiancato dal tetragramma stabilendo una profonda connessione, esaminiamo un caso:
In Shmot 24/1 leggiamo:
”E a Moshè disse:”Sali verso il Signore insieme con Aron,Nadav e Avihu e settanta anziani di Israele”, il talmud si pone la domanda chi è che invita Moshè a salire verso il Signore, questa domanda sorge spontanea leggendo il testo che evidenzia il soggetto, una buona spiegazioni sarebbe l’enfasi della affermazione stessa, come se un padre dice al figlio:” Su dai! vieni da me”, ma questo non si adatta per nulla al senso generale della scrittura.
Fine prima parte
Noiman
noiman
 
Messaggi: 941
Iscritto il: domenica 20 aprile 2014, 22:41

Re: Interpretazione delle Scritture Ebraiche

Messaggioda noiman » martedì 12 febbraio 2019, 23:02

[timesnewroman]Il talmud commenta così:

Una volta un min [ un eretico] disse a R. Idith: “Stà scritto:”Il Signore disse a Mosè: “Sali verso il Signore [ nel testo originale il tetragramma] Avrebbe dovuto dire però:”Sali verso di me” R. Idisth rispose: “Era Metratron (colui che ha detto questo, il cui nome è come quello del suo signore, perché stà scritto :”Il mio nome è in lui” (shmot 23/21) (esodo) .”Se però le cose stanno così (rispose il min), dovremmo adorarlo !”Lo stesso passo, però, rispose R.Idith dice:”Non ribellarti a lui” vale a dire, non Mi confondere con lui.”ma se le cose stanno così, perché sta scritto: “Egli non perdonerebbe la vostra trasgressione” R. Idith rispose. “In verità non possiamo accettarlo nemmeno come messaggero, perché sta scritto:”E gli disse :”se il Tuo volto non camminerà con noi,non farci partire da qui”[shmot 33-15] .
(TB Sanhedrin 38b).
La figura angelica viene accettata come guida e la sua immagine non viene venerata , i malachim appartengono a un livello superiore, alcuni esaurita la loro missione svaniscono nel loro nome , altri mantengono il ruolo e la presenza
Metratron è uno di questi, la tradizione vuole che esso sia stato l’Enoch terrestre, nel libro di Bereshit Enoch è solo menzionato, sappiamo che D-o lo prese con “se ” , qualcuno sostiene che egli dovette morire per disporre della sua anima.
Le leggende si sono attraverso i secoli arricchite e appesantite, il mondo askenazita più degli altri ebrei nella golah ha sviluppato e tratto un immaginario basato dai testi apocrifi, sopratutto i libri di Enoch, (almeno due) dove l’argomento angelico è determinante e ulteriormente approfondito dalla mistica ebraica.

Metratron sarebbe diventato un angelo , spogliato del corpo terrestre avrebbe assunto il ruolo angelico, in alcune tradizioni esso compare nella creazione a fianco di D-o, questo avviene prima che il Nome divino dell’angelo fosse congiunto a Enoch, Metratron sarebbe addirittura preesistente alla creazione stessa, testimone della formazione, è chiamato l’angelo della presenza, il suo retaggio divino è posto poco inferiore a quella di D-o, dalle parole del libro di Enoch troviamo scritto:
" Egli [il Santo]... mi chiamò, יהוה קתן " YHWH Qatan il piccolo D-o " alla presenza della sua intera famiglia nell'alto, com'è scritto, "il mio Nome è in lui" »
Nel libro di Enoch, (Sefer Hekalòt) un testo poco conosciuto e tradotto leggiamo:

"Gli ho concesso parte della mia maestà[ è D-o che parla] della mia magnificenza e del splendore della mia gloria, che saprà il trono della mia gloria e l’ho chiamato con il mio nome, il piccolo YHWH, principe della presenza divina, conoscitore dei segreti. Gli ho rivelato ogni segreto come un padre, gli ho svelato ogni mistero [….] Ho preso settanta dei miei nomi e l’ho chiamato con quelli per accrescere il suo onore” (da Odeberg - Enoc- Sefer Hecholòt), (Moshè Idel).
L’ascensione al cielo e il ruolo di figlio accanto al padre sono una forma di adozione, su questo argomento potremmo scrivere per molte pagine che riguardano la “filiazione” dal punto di vista ebraico
Ho affermato che il Nome è la definizione di un incarico, Metratron possiede il nome del Signore, ma non è il Signore , questo lo possiamo intuire se consideriamo il nome simile a una immagine riflessa da uno specchio, ma noi sappiamo che l’immagine è solo trasferita .
Conferire il proprio nome è un trasferimento di potere e di sovranità, il midrash “ l’Alfabeto di Rabbì Akiva menziona Metratron:

Farà scendere Enoch figlio di Jared, il cui nome è Metratron, e le quattro chayyòt sotto le ruote del carro del suo trono, scosterà il suo trono e farà risalire lo Sheòl “.

Non stiamo divagando, anche se il riferimento è tratto dai libri apocrifi e dallo studio ebraico di due millenni altri riferimenti li possiamo ritrovare un po’ ovunque nel Tanach , soprattutto nei profeti anteriori e agiografi, in questo caso stiamo parlando di presenze celesti accreditate dalle scritture.
Il nome Metratron è di difficile spiegazione, sembra più di origine greca che ebraica, i suoi sinonimi hanno valenze comuni ma che includono anche significati gematrici, questo aspetto non può certamente essere ignorato , le analogie tra alcuni nomi e gli attributi di Metratron sono sorprendenti , una vera piattaforma per lo studio delle assonanze linguistiche e numeriche del Nome inteso come suggeritore di significato ermetico, יהואל “Yaho’el , è l’angelo che ricopre un ruolo speciale perché contenitore del Nome di D-o, “il mio Nome è in Lui” il nome del Santo è “El Yàh”e “Hù”, “ in Lui” , da non confondere con D-o stesso , la gematria del nome è 52, esattamente come בו “ben”, figlio e come אליהו, “Elyahu”.

“[TimesNewRoman]Yaho’el, perché era la guida del nostro antenato Abramo e gli insegnò tutta la Torah come è detto:”cominciò Mosè ad esporre questa Torah”
(Devarim 1/5), (Dt 1/5), הואיל משה באר, “ho’yil Moshè be’er” הואיל, “Ho’yil” sono le lettere permutate di יהואל, “Yaho’el”, mentre משה באר, Moshè be’er sono le lettere (della espressione ebraica) שהבראם, She Avrahàm”(che Abramo) perché il nostro antenato Abramo aveva cinquantadue anni quando ricevette la Torah [….] e anche 52 è la gematria di Yaho’el [….] Yaho’el è l’angelo che chiamò Moshè nostro maestro affinché salisse al cielo nel trattato di Sanhedrin. E mi è stato detto “a Moshè disse di salire verso YHWH, (Shmot 24/1), tuttavia egli avrebbe dovuto salire verso quell’angelo il cui nome è come il nome del suo Signore, “verso YHWH, le cui lettere sono Yaho’el”
Tratto d M.I. pag 151)
Questo è scritto a fine del 1200 da rabbi Nechemyàh ben Shelomò, in un trattato cabalistico , ( Commento ai settanta nomi di Metatron) , il numero 52 oltre alla associazione citata è anche collegato a “ha -adam” con valore gematrico di 50, l’autore associa questa differenza numerica alla affermazione “lo hai fatto poco meno di un Elohim” la differenza maggiore tra il DNA umano e quello della scimmia accentua la differenza sul piano metafisico.
La differenza gematrica è anche sul piano della conoscenza, 52 infatti sono le porte della conoscenza, ma “Ha Adam” riceve la chiave per solo 50 porte, secondo il detto il Nome è il suo potere, sappiamo anche che la gematria di והיה è 26, la metà di 52 il ma anche il doppio di 26, il valore del tetragramma, il Nome , Moshè Idel considera che l’espressione “ Là hanno posto il mio nome” compare esattamente 52 volte nella Torah , esattamente la parola nuvola.
Scusate tutta questa spiegazione che sembra eccessiva, non avevo intenzione di tediarvi, su questo argomento ho scritto qualche anno fa uno studio di alcune decine di pagine che elabora ulteriormente l’argomento del significato dei nomi e le loro implicazioni nella ermeneutica ebraica.
Ora una ultima divagazione O.T che collega il mondo della presenza angelica con il Nome conosciuto o sconosciuto che possiedono i presunti “angeli”
Il verbo essere in ebraico è come un gioco, la presenza o una omissione di una lettera produce il tetragramma, ….D-o si fa chiamare אהיה“ io sarò” ma il popolo lo può chiamareיהיה “ui sarà.l”, quando sarà aggiunta la ו “vav” mediana e unita al nome “ sarà” leggeremo il nome יהוה, uno dei 70 nomi .
Un’altra singolarità è la forma difettiva della parola שמי לעלם “ il mio nome e perpetuo (cioè per sempre).
Rashi nel suo commento al Shmot ci fa notare che essa appare scritta senza la ו “vav”, e per questo si potrebbe dare un nuovo significato alla frase.
Infatti la radice למ(ם) potrebbe comporre la parola להעלים “leha’alìm”, nascondere.
Allora l’affermazione potrebbe essere letta come “Tieni nascosto il mio nome” .
Un nome che non un nome,indovinello teologico ? Oppure che si scrive in un modo e si legge in un altro.

אמר רבי אבא בר ממל אמר ליה הקב"ה למשה שמי אתה מבקש לידע לפי מעשי אני נקרא, פעמי שאני נקרא באל שדי, בצבאות, באלקים בה, כשאני דן את הבריות אני נקרא אליקים וכשאני עזשה מלחמה ברשעם אני נקרא צבאות, וכשאני תולה על חטאיו של אדם אני נקרא אל שדי, וכשאני מרחם על עזלמי אני נקרה ה', שאין ה' עלא מדת רחמים שנאמר ( שמות לך) ה'ה' אל רחום וחנון, הוי אהיה אשר אהיה אני נקרא לפי מעשי ''
שמות רבה פרשה
Ha detto Rav Abba bar Mamal: “Ha detto Kodòsch Baruch -Hu a Moshè tu chiedi di conoscere il mio nome, io sono chiamato in base al mio agire, a volte sono chiamato El Shaddày, Zvaòt (delle schiere), Elo-im, HaShem , il nome, quando siedo in giudizio delle creature sono Elohim, quando vado in guerra contro gli empi sono “delle schiere”, e quando sospendo il giudizio per i peccati dell’uomo sono El Shaddày, quando perdono in eterno sono Ha Shem, perché Ha Shem non si usa se non per l’attributo della pietà come è detto in Esodo33, HaShem Ha-Shem, Dio Pietoso e Longanime, quindi anche Sarò quel che Sarò è un appellativo rispetto a quello che compio”.(Shemot Rabbà Parashà3).
Un commentatore ha scritto che per Moshè conoscere il Nome di colui che lo mandava era la possibilità di compiere prodigi e miracoli, non confondere la conoscenza del nome con poter fare miracoli, il potere del nome è solo associativo al nome , per agire ha bisogno del suo consenso.
Conferire il Nome assume il significato esteso di concedere qualche cosa di se, Moshè Idel commenta che come si legge in Bereshit 2/7, il nome è come il soffio, una aggiunta sostanziale.
Questo significa in qualche modo condividere la divinità.
“Poi che si è affezionato a Me lo salverò. Lo esalterò perché ha riconosciuto il Mio Nome, egli mi invocherà ed Io lo esaudirò, sarò con lui nel momento dell’angustia, lo libererò e gli darò onore … “ (tehillim 91/14) (salmi).

Prima di concludere e dopo aver leggermente approfondito la relazione tra “angeli, malach bisogna ancora fare un’ultima osservazione, soffermandoci ancora sul celebre passo di Shemòt .
Ecco io mando un malach davanti a te per custodirti sul cammino per farti entrare nel luogo che ho preparato. Abbi rispetto della sua presenza, da ascolto alla sua voce e non ribellarti a lui, egli infatti non perdonerebbe la vostra trasgressione, poiché il mio Nome è in lui” ( Shmot-Mispatim 23/20.)

L’inviato apparentemente è anonimo ma dalla affermazione abbiamo compreso che egli condivide in qualche aspetto il Nome di D-o, questo fa un distinguo e percepiamo l’esortazione come ipostatica, l’azione dell’angelo custode e guida appare come un surrogato di D-o, le parole “ ascoltarlo e non ribellarsi” hanno un aspetto paternalistico, il verso 21 è dichiarazione divina di amore e custodia di Israele come ritroviamo molte volte nel testo biblico, ma esiste una differenza sostanziale , non è D-o a condurre il popolo e neanche Moshè ma un essere sovrannaturale in una forma inconsueta in un singolare dualismo con D-o .
Moshè Idel suggerisce che questa affermazione può essere accostata a una altra espressione presente in Isaia ומלאך פניו הושיעם “umalàch panaw “ l’angelo del suo volto li salverà”(63/9), il nome divino è descritto come qualche cosa che viene ceduto o prestato per uno scopo, con la differenza che non esiste una reale separazione tra la divinità del Nome e il suo messaggero, la divinità si trova nel messaggero in virtù del Nome, direi che è un concetto veramente straordinario.
Concludo con Rabbi Aqiva


“ Il faraone chiese loro: chi vi ha mandato da me, risposero ”Il Dio degli ebrei ci ha mandato da te per dirti “manda il mio popolo a servirmi nel deserto. Il faraone allora replicò. Quale è il nome del vostro dio, quale è la sua forza, la sua potenza, su quante nazioni, quante terre, quante città regna. Quante guerre ha già combattuto e vinto ?
Quante nazioni ha conquistato, quante città ha espugnato. Quanti soldati, cavalieri e cocchi ufficiali l’accompagnano quando esce in battaglia ? Risposero: della sua forza e della sua potenza è pieno il mondo, la sua voce cesella fuoco e fiamme, le sue parole sbriciolano le montagne, il suo trono sono i cieli e la terra il suo poggiapiedi, il suo arco è fuoco, e le sue frecce, fiamme, la sua lancia è una torcia, il suo scudo le nubi il fulmine la sua spada, non ferro. Egli foggia monti e colline, crea spiriti e anime, mette pace fra il fuoco e l’acqua, crea il cielo da nulla e con la sua parola dispiega la terra, con la sua favella forma le montagne e con la sua sapienza avvolge l’embrione nel ventre della madre, ricopre il cielo di coltri e fa scendere la rugiada e pioggia.
Con il suo detto fa germogliare la terra, alimenta e fa prosperare il mondo dalle corna di “re’em” alle uova di pidocchio……
Tratto da “ AlfaBeta di Rabbì Aqiva “

Noiman

[/TimesNewRoman][/TimesNewRoman]
noiman
 
Messaggi: 941
Iscritto il: domenica 20 aprile 2014, 22:41

PrecedenteProssimo

Torna a Scritture Ebraiche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti