Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda Alen.chorbah » domenica 26 novembre 2017, 12:09

Bellissima esperienza il che dimostra che Dio agisce nel cuore delle persone, non solo in una religione come le stesse cercano di affermare per dimostrare che sono l'unica vera religione, ma in tutte. Ma d'altro canto forse dimostrano sempre di più queste esperienze che "Le religioni sono sistemi di guarigioni per i mali della psiche".
Avatar utente
Alen.chorbah
 
Messaggi: 223
Iscritto il: venerdì 31 marzo 2017, 20:42

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda bgaluppi » domenica 26 novembre 2017, 12:48

Dio agisce nel cuore delle persone. È proprio così, e allora non c'è religione che tenga.

Io dico che molte persone escono da bruttissime esperienze senza le religioni, ma attraverso una sana terapia psicologica ed un training mentale. Se la religione aiuta a risolvere una situazione non significa che senza di essa sarebbe stato impossibile risolverla. Poi bisogna vedere se la religione non ti aiuta a risolvere una cosa e ti rende schiavo di un'altra.

Io ho un amico cattolico, una persona eccezionale, di ampie vedute e molto sensibile; la religione lo aiuta a vivere la sua vita in modo organizzato, sano e secondo buoni princìpi. Ma non riesce a pregare se non entra in chiesa, e, pur essendo dotato di una incredibile (a volte maniacale) capacità di analisi logica, non riesce a comprendere la Bibbia se non attraverso gli schemi mentali che la religione ha impiantato in lui. Questa lacuna, inevitabilmente, va ad influenzarlo anche in altri campi della sua vita.

Comunque scusate l'OT. :-) Ho un pregiudizio verso le religioni, ma certamente riconosco che non si può mai fare di tutta l'erba un fascio.
Avatar utente
bgaluppi
 
Messaggi: 7314
Iscritto il: domenica 28 dicembre 2014, 8:13
Località: Torino

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda LucaincercadiDio » martedì 28 novembre 2017, 9:50

Bellissima esperienza, mi sono commosso.
LucaincercadiDio
 
Messaggi: 170
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2016, 14:41

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda mimymattio » mercoledì 29 novembre 2017, 14:03

Ciao Antonio, volevo riprendere la discussione tornando su Lc 10:17,18. Sappiamo che, anche e soprattutto ai tempi di Yeshùa il nome di Dio non veniva esplicitamente detto. Anzi, il rispetto era tale che ha fatto sorgere alcuni modo di menzionarlo senza nominarlo direttamente. Tra questi modi c'era anche la rispettosa abitudine di nominare il cielo al posto del Suo nome. Premesso ciò, in Lu 10:17,18 troviamo menzionato satana e di "lui" è detto che cade dal cielo.

Potremmo pensare che satana provenga da Dio? Proprio facendo leva su quanto detto prima e sulla sostituzione che avveniva del nome di Dio utilizzando, tra i vari modi, il termine cielo. Allo stesso modo di come Yeshùa e la manna sono venuti dal cielo.
Vorrei poi sottolineare come tutto ciò che viene da Dio è detto "scendere", nel caso invece in nostro esame di Lc 10:18 vien detto che "cade" dal cielo. Può aver qualche valore questo verbo cadere?
mimymattio
 
Messaggi: 814
Iscritto il: domenica 16 luglio 2017, 18:31

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda bgaluppi » mercoledì 29 novembre 2017, 19:36

Bravo Mattia! Ottima intuizione. Controlla Ef 1:3; 3:10; 6:12. I cosiddetti principati, le potenze, i dominatori del nostro mondo e le forze spirituali della cosiddetta malvagità sono nei luoghi celesti, esattamente come i credenti sono benedetti nei luoghi celesti. Da questo cosa capisci?
Avatar utente
bgaluppi
 
Messaggi: 7314
Iscritto il: domenica 28 dicembre 2014, 8:13
Località: Torino

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda mimymattio » mercoledì 29 novembre 2017, 19:45

Grazie degli spunti Antonio. Prima di risponderti mi piacerebbe chiarire chi o cosa siano
I cosiddetti principati, le potenze, i dominatori del nostro mondo e le forze spirituali della cosiddetta malvagità sono nei luoghi celesti


Comunque, provo ad immaginare che provengano tutti da Dio, provenendo dal cielo.
mimymattio
 
Messaggi: 814
Iscritto il: domenica 16 luglio 2017, 18:31

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda bgaluppi » mercoledì 29 novembre 2017, 19:52

In effetti queste forze sono nei luoghi celesti, non in "antri tenebrosi" in attesa di giudizio, come dice Pietro: “Se Dio infatti non risparmiò gli angeli che avevano peccato, ma li inabissò, confinandoli in antri tenebrosi per esservi custoditi per il giudizio” (2Pt 2:4). Dunque, i dominatori del mondo, le forze di malvagità, non sono i presunti angeli caduti, perché se fossero caduti non sarebbero nei luoghi celesti, ossia "presso Dio". Da qui vediamo come al tempo di Yeshùa e dopo le tradizioni apocrife fossero ancora molto diffuse. Pietro e Giuda le usano per fini dialettici nelle loro lettere. Il libro di Enoch fu scartato dai canonici nel concilio di Jamnia solo alla fine del I sec. E.V.! Dunque, ai tempi di Yeshùa non era ancora ufficiamente apocrifo.

Sul significato dei termini, avevo fatto una ricerca. Vedo se la trovo, altrimenti la rifarò.
Avatar utente
bgaluppi
 
Messaggi: 7314
Iscritto il: domenica 28 dicembre 2014, 8:13
Località: Torino

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda mimymattio » mercoledì 29 novembre 2017, 19:56

Grazie, ne sarei molto interessato.
Spesso si associa i dominatori di questo mondo con gli angeli caduti, ma biblicamente parlando è corretto?
Al giorno d'oggi non possiamo forse affermare che sono le forze della malvagità a governare questo mondo? Non è forse chi fa il male ad avere il sopravvento nel mondo?
mimymattio
 
Messaggi: 814
Iscritto il: domenica 16 luglio 2017, 18:31

Precedente

Torna a La Sacra Scrittura

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron