Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda matteo97 » sabato 25 gennaio 2020, 12:36

A proposito del termine satana... Diverse parole ebraiche non vengono tradotte nella lingua corrente dai biblisti perchè nella loro forma originaria mantengono integro il senso generale del testo. Ad esempio, il termine mammona che deriva da una radice aramaica che significa letteralmente accumulare e poi è diventato sinonimo di ricchezza, spirito d'avarizia ecc... Non esiste il concetto di Satana come "demone" (concetto pagano) nè nell'AT (scritture ebraiche) e neppure nel NT (scritture greche). Il termine «Satana» viene comunemente considerato di derivazione ebraica, con il significato di accusatore. Tuttavia, la parola ebraica deriva a sua volta dalla parola greca antica (probabilmente di origine fenicia) aitia – «accusa» – qv. Eschilo: aitiau ekho. Fu questa forma greca più antica che divenne corrotta con la forma ebraica di «Satana» – da cui anche l'arabo «Shaitan». Inoltre, nella lingua greca del periodo classico, aitia e diabole erano spesso utilizzati per indicare concetti dal significato simile. La parola stessa «diabolico» deriva dalla parola greca diaballo che significa «passare al di là», oppure «oltre», dove la radice dia significa «attraverso» e/o come proposizione causale «con l’aiuto di». Successivamente diaballo ha acquisito un senso morale – per esempio «mettersi contro» (Aristotele) anche se a volte è stato usato, come nel caso della parola diabolos, con il senso di «cattivo» o «falso» (ad esempio a significare una «falsa accusa»). La credenza volgare che l’ebraico sia una qualche sorta di lingua eminente e alla radice di tutto non è corretta – l’ebraico è un derivato dell’antico fenicio, con successivi contributi dall’antico greco che a sua volta ha anch’esso un debito con il fenicio. Numerosi linguisti concordano sul fatto che l'ebraico è un mix tra l'antica lingua fenicia e quella greca.
Avatar utente
matteo97
 
Messaggi: 403
Iscritto il: lunedì 14 gennaio 2019, 14:14

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda Tony » domenica 28 giugno 2020, 10:23

Ciao a tutti , possibile che ci sia un collegamento al commento(Targum) di Gn 3:15 (protovangelo) e Ap 12:17 ?

Apocalisse 12:17

Allora il drago si infuriò contro la donna e se ne andò a far guerra contro il resto della sua discendenza, contro quelli che osservano i comandamenti di Dio e sono in possesso della testimonianza di Gesù.

in Genesi 3:15 si parla di due discendenti - quella della donna e quella del serpente - in Ap 12:17 pure si parla di discenza della donna di osservanza dei comandamenti e del diavolo (il serpente antico), somiglia molto al Targum:

E sarà quando i figli della donna considereranno la legge ed eseguiranno le sue leggi, saranno pronti a colpirti in testa per ucciderti; e quando i figli della donna abbandoneranno il comandamento della legge e non eseguiranno le (sue) istruzioni, sarai pronto a ferirli nel loro tallone e ferirli. Tuttavia ci sarà una medicina per i figli della donna, ma per te, serpente, non ci sarà medicina: ma deve essere che per questi ci sarà un rimedio per il tallone nei giorni del re Meshiha.

tradotto da google .
Allegati
2020-06-28_10-16.png
Tony
 
Messaggi: 719
Iscritto il: domenica 26 agosto 2018, 17:35

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda bgaluppi » domenica 28 giugno 2020, 19:18

Forse si, solo che l'autore di Apocalisse applica il tutto ai credenti, cosa che nel Targum vale per Israele.
Avatar utente
bgaluppi
 
Messaggi: 9772
Iscritto il: domenica 28 dicembre 2014, 8:13
Località: Torino

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda Tony » lunedì 29 giugno 2020, 16:57

Grazie , solo una cosa in base a che cosa dici che per il Targum vale per Israele ? Non viene specificato da quello che leggo. Cioè da quello che ho capito vale per chi "osserva la legge" . Lo dici per questo?
Ultima modifica di Tony il lunedì 29 giugno 2020, 22:15, modificato 1 volta in totale.
Tony
 
Messaggi: 719
Iscritto il: domenica 26 agosto 2018, 17:35

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda bgaluppi » lunedì 29 giugno 2020, 17:58

Grazie , solo una cosa in base a che cosa dici che per il Targum vale per Israele ?

Perché il Targum è una traduzione parafrasata del Tanach che fa riferimento alla legge di Israele. Il Tanach è parte della letteratura ebraica di Israele e scritta per Israele. Il Apocalisse, invece, si fa riferimento ai credenti, non a Israele.
Avatar utente
bgaluppi
 
Messaggi: 9772
Iscritto il: domenica 28 dicembre 2014, 8:13
Località: Torino

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda Tony » lunedì 29 giugno 2020, 18:08

chiaro grazie
Tony
 
Messaggi: 719
Iscritto il: domenica 26 agosto 2018, 17:35

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda danilo bellazzi » giovedì 17 settembre 2020, 16:52

Buongiorno a tutti.

Si potrebbe fare un riassuntino per capire a che punto siamo?

Ci provo io così mi chiarisco le idee.

Su fatto che satana, i demoni, gli angeli etc. non siano entità autonome non ci piove.

Sul fatto che siano nella nostre teste o reali si può discuterne per sempre anche se sembra prevalere la prima ipotesi.

In ogni caso non è importante tanto il messaggero quanto il messaggio.

Grazie a tutti per quello che avete scritto e che mi darà argomento di riflessione per i prossimi 150 anni, a volte ( in dosi omeopatiche ) anche gli OT non sono poi così' dannosi.
danilo bellazzi
 
Messaggi: 11
Iscritto il: sabato 15 agosto 2015, 9:35
Località: Vigevano

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda Tony » mercoledì 30 dicembre 2020, 19:55

di recente ho letto questo documento disponibile anche su Academia.edu che si intitola "Satana e Satani nell'ebraismo antico" e in sostanza lui fa vedere che in relatà il satan abbia subito una evoluzione ed afferma l'interpretazione del chiamare satana (con la s minuscola) quando si parla di questo soggetto nel Tanak ed invece di Satana (con la s maiuscola) a partire dall'ebraismo del secondo tempio . A quanto ho capito lui inserisce il Libro dei Vigilanti (1 Enoch) proprio in questa "evoluzione" dell'idea del Satan proprio a partire da questo genere di letteratura . Allora la mia domanda è come facciamo a capire che il movimento Gesuano (discepoli di Yeshùa) non aderisse a questo genere di idee ?

Forse è gia stato affrontato questo ,se qualcuno sa indicarmi la pagina o farmi un riassunto
Allegati
Satana_e_satani_nellebraismo_antico_Huma.pdf
(292.68 KiB) Scaricato 21 volte
Tony
 
Messaggi: 719
Iscritto il: domenica 26 agosto 2018, 17:35

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda Tony » giovedì 31 dicembre 2020, 11:17

Scusate leggendo qualcosa sullo studio sul satan in "Studi controversi" e ho visto che ci sono delle risposte appena ho tempo provo a rifletterci e vedere quale è la motivazione per il quale è stato pubblicato proprio in questa sezione :-)
Tony
 
Messaggi: 719
Iscritto il: domenica 26 agosto 2018, 17:35

Re: Satana nelle Scritture Ebraiche e Greche

Messaggioda L'agnostico » martedì 5 gennaio 2021, 11:54

Si potrebbe fare un riassuntino per capire a che punto siamo?


Si in effetti si è conclusa questa discussione con quale epilogo?

Satana è o non è una creatura reale?
L'agnostico
 
Messaggi: 325
Iscritto il: lunedì 7 maggio 2018, 19:32

PrecedenteProssimo

Torna a La Sacra Scrittura

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite