Il cammino della Conversione al Dio di Gesù Cristo

Il cammino della Conversione al Dio di Gesù Cristo

Messaggioda Sandra » mercoledì 17 febbraio 2021, 19:47

Per i cristiani, per lo meno quelli cattolici, come me, con oggi inizia la Quaresima, ossia i 40 giorni che precedono la Pasqua.
Oggi, con il mercoledì delle Ceneri, siamo chiamati a un cammino di ritorno al Signore.
Propongo le letture della Liturgia, perché siano di aiuto a chi vuole accostarsi alla Parola di Dio.
M.Sandra
Gl 2, 12-18
Dal libro del profeta Gioèle
Così dice il Signore:
«Ritornate a me con tutto il cuore,
con digiuni, con pianti e lamenti.
Laceratevi il cuore e non le vesti,
ritornate al Signore, vostro Dio,
perché egli è misericordioso e pietoso,
lento all'ira, di grande amore,
pronto a ravvedersi riguardo al male».
Chi sa che non cambi e si ravveda
e lasci dietro a sé una benedizione?
Offerta e libagione per il Signore, vostro Dio.
Suonate il corno in Sion,
proclamate un solenne digiuno,
convocate una riunione sacra.
Radunate il popolo,
indite un'assemblea solenne,
chiamate i vecchi,
riunite i fanciulli, i bambini lattanti;
esca lo sposo dalla sua camera
e la sposa dal suo talamo.
Tra il vestibolo e l'altare piangano
i sacerdoti, ministri del Signore, e dicano:
«Perdona, Signore, al tuo popolo
e non esporre la tua eredità al ludibrio
e alla derisione delle genti».
Perché si dovrebbe dire fra i popoli:
«Dov'è il loro Dio?».
Il Signore si mostra geloso per la sua terra
e si muove a compassione del suo popolo.

C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.

Salmo Responsoriale
Sal.50

RIT: Perdonaci, Signore: abbiamo peccato.

Pietà di me, o Dio, nel tuo amore;
nella tua grande misericordia
cancella la mia iniquità.
Lavami tutto dalla mia colpa,
dal mio peccato rendimi puro.

Sì, le mie iniquità io le riconosco,
il mio peccato mi sta sempre dinanzi.
Contro di te, contro te solo ho peccato,
quello che è male ai tuoi occhi, io l'ho fatto.

Crea in me, o Dio, un cuore puro,
rinnova in me uno spirito saldo.
Non scacciarmi dalla tua presenza
e non privarmi del tuo santo spirito.

Rendimi la gioia della tua salvezza,
sostienimi con uno spirito generoso.
Signore, apri le mie labbra
e la mia bocca proclami la tua lode.

Seconda Lettura
2 Cor 5, 20 - 6, 2

Dalla seconda lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi
Fratelli, noi, in nome di Cristo, siamo ambasciatori: per mezzo nostro è Dio stesso che esorta. Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio. Colui che non aveva conosciuto peccato, Dio lo fece peccato in nostro favore, perché in lui noi potessimo diventare giustizia di Dio.
Poiché siamo suoi collaboratori, vi esortiamo a non accogliere invano la grazia di Dio. Egli dice infatti:
«Al momento favorevole ti ho esaudito
e nel giorno della salvezza ti ho soccorso».
Ecco ora il momento favorevole, ecco ora il giorno della salvezza!

C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.
Canto al Vangelo
Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!

Oggi non indurite il vostro cuore,
ma ascoltate la voce del Signore.

Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!

Mt 6, 1-6. 16-18
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c'è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli.
Dunque, quando fai l'elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipòcriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l'elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando pregate, non siate simili agli ipòcriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipòcriti, che assumono un'aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.
Magistero in Scienze Religiose
Pontificia Università Gregoriana
Cattolica della Chiesa Romana
Studiosa della Shoah
Sandra
 
Messaggi: 242
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:30

Re: Il cammino della Conversione al Dio di Gesù Cristo

Messaggioda Sandra » mercoledì 17 febbraio 2021, 19:53

Credo che ogni giorno della nostra vita terrena è una tappa per comprendere la Parola di Dio, attraverso la preghiera, il digiuno e l'elemosina.
La preghiera è innanzitutto ascolto di Dio, attraverso la Scrittura, le situazioni della vita e le buone suggestioni interiori.
Il digiuno non è solo astenersi dalla carne (per amore di Gesù e non certo per la dieta), ma digiuno da tutto ciò che mi allontana da Dio.
L'elemosina non è solo dare qualche soldo al povero di turno per le strade della nostra città, se mai avviene. L'elemosina è dare se stessi, in modo onesto e chiaro, nelle relazioni.
Con se stessi per prima cosa, con Dio e con il prossimo.

Questo credo e questo cerco di vivere.
M.Sandra
Magistero in Scienze Religiose
Pontificia Università Gregoriana
Cattolica della Chiesa Romana
Studiosa della Shoah
Sandra
 
Messaggi: 242
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:30

Re: Il cammino della Conversione al Dio di Gesù Cristo

Messaggioda Tony » mercoledì 17 febbraio 2021, 20:26

le confido (anche se so di non essere tenuto) che l'elemosina è un tema e una pratica su cui sto riflettendo seriamente ultimamente .
Non so se vi capita , ma si sente molto spesso dire dalla gente comune questa frase quando vediamo una persona che chiede dei soldi davanti ad un supermercato o qualche altra parte , la frase è rivolta a chi sentirebbe di dare qualcosa ed è : " Ma lascia stare ,non sai se ci marcia sopra e cosa se ne fa di quei soldi " oppure "magari ha anche più soldi di te " .
Io davanti a questo genere di frasi rimango basito (a dir poco) , indignato e inorridito , perchè per me è palese il ragionamento più semplice ma secondo me vero , e cioè che tutte le persone che stanno davanti add un supermercato non hanno ormai più niente da perdere , anzi l'unica cosa che perdono queste persone è la dignità , e che proprio dall'uscita da quel supermercato magari si aspettano che qualcuno , se proprio non vuole dare soldi , che gli dia del pane per mangiare .
E' quindi secondo me a dir poco infantile e irresponsabile lasciare che queste povere persone si trovino sempre più in difficoltà , perchè non ci si vuol rendere conto che la realtà è questa e che le persone povere che non hanno accesso alle comodità che altri hanno sono li proprio per un motivo preciso .

Vi racconto un aneddoto che mi è successo .
Un giorno stavo andando a comprare qualcosa al supermercato e mi trovo una persona che sicuramente sarà stata nigeriana , in genere vengono da li . E questa persona mi chiede se avevo qualcosa da dargli , ma non dei soldi , credo volesse qualcosa come dei vestiti non so per quale motivo . Insomma avevo in casa un paio di scarpe che non usavo più , ma credo fossero una misura troppo piccola , ma gliele portai ugualmente . Quando le vide le rifuitò dicendo quasi scizzinosamente :" no no non le voglio" . Io però ad oggi quando vedo una persona in difficoltà so che nella loro realtà le cose sono sicuramente complicate e che alltrimenti non avrebbero motivo di essere li dove sono . Anche se ho ricevuto un rifiuto ,questo non significa che lui non fosse davvero in difficoltà e che molto semplicemente quelle scarpe non le ha volute perchè sicuramente non erano della sua misura . Non ne faccio una scusa per fare tutta l'erba un fascio dicendo a me stesso vedi allora se ne approfittano . La realtà è che possiamo essere in potere di fare qualcosa indipendentemente da quale sia la situazione che ci sta dietro .

Yeshùa si rese conto che di dieci che guari' solo uno tornò in dietro a ringraziarlo , ma questo non significa che gli altri nove non fossero in difficoltà .
Tony
 
Messaggi: 719
Iscritto il: domenica 26 agosto 2018, 17:35

Re: Il cammino della Conversione al Dio di Gesù Cristo

Messaggioda Sandra » mercoledì 17 febbraio 2021, 22:32

Se una persona può aiutare, lo faccia.
Qualora non possa, invii alla Caritas del luogo.
Spesso sono persone povere e bisognose, quelle che chiedono, ma ci sono anche quelle che fingono.

Sta a noi essere caritatevoli ma anche prudenti.
Grazie della sua testimonianza.

MS
Magistero in Scienze Religiose
Pontificia Università Gregoriana
Cattolica della Chiesa Romana
Studiosa della Shoah
Sandra
 
Messaggi: 242
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:30

Re: Il cammino della Conversione al Dio di Gesù Cristo

Messaggioda L'agnostico » mercoledì 17 febbraio 2021, 23:10

Non so se vi capita , ma si sente molto spesso dire dalla gente comune questa frase quando vediamo una persona che chiede dei soldi davanti ad un supermercato o qualche altra parte , la frase è rivolta a chi sentirebbe di dare qualcosa ed è : " Ma lascia stare ,non sai se ci marcia sopra e cosa se ne fa di quei soldi " oppure "magari ha anche più soldi di te " .
Io davanti a questo genere di frasi rimango basito (a dir poco) , indignato e inorridito , perchè per me è palese il ragionamento più semplice ma secondo me vero , e cioè che tutte le persone che stanno davanti add un supermercato non hanno ormai più niente da perdere , anzi l'unica cosa che perdono queste persone è la dignità


Ciao Tony...mi piacerebbe sapere per gente comune cosa intendi...come se te ti escludessi...hai dei super poteri?
Scherzi a parte su questo discorso in quanto si sta parlando di vita quotidiana mi sento di poter dire la mia...
Beh io cio che penso è "ma perché non andate a lavorare?"
Si perché andare in campagna è un lavoro che probabilmente a questa gente fa perdere realmente la dignità...piuttosto meglio non far nulla e stare tutto il giorno a farsi regalare soldi...
E dove sta il merito?perché dare dei soldi a dei sconosciuti?
Sappiamo forse noi leggere nei cuori?no...
Quindi onde evitare di poter dare soldi a ubriaconi,delinquenti,gente che non ha voglia di lavorare me li tengo in tasca e me la bevo io una birra...almeno la bottiglia poi la butto nell indifferenziata del vetro..piuttosto che trovarla il giorno dopo vicino ai carrelli....!

Non è cattiveria..la carità va fatta ma ci si deve documentare prima a chi e come farla..altrimenti non è carità e si rischia di essere complici, per me volontari, di delinquenti da 4 soldi!
L'agnostico
 
Messaggi: 325
Iscritto il: lunedì 7 maggio 2018, 19:32

Re: Il cammino della Conversione al Dio di Gesù Cristo

Messaggioda speculator2 » giovedì 18 febbraio 2021, 2:46

Niente soldi ma qualche volta ho dato qualcosa da mangiare a chi chiedeva fuori da supermercato, non e roba di maiale proibito per i musulmani.
speculator2
 
Messaggi: 686
Iscritto il: domenica 2 febbraio 2020, 22:27

Re: Il cammino della Conversione al Dio di Gesù Cristo

Messaggioda natalozzo85 » giovedì 18 febbraio 2021, 7:08

La Tzedakà(Giustizia/Beneficenza) è regolamentata nell'ebraismo. Paolo dice che chi ha la possibilità di fare il bene e non lo fa commette peccato, credo che questo riguardi anche la beneficenza. Non possiamo fare di testa nostra, seguendo il cuore, possiamo commettere peccato anche in buona fede. Nessun problema, i nostri fratelli maggiori ebrei hanno pensato a tutto,basta imparare da loro le regole sulla Tzedakà. Shalom :YMHUG:
natalozzo85
 
Messaggi: 81
Iscritto il: sabato 31 dicembre 2016, 18:11

Re: Il cammino della Conversione al Dio di Gesù Cristo

Messaggioda natalozzo85 » giovedì 18 febbraio 2021, 7:13

natalozzo85
 
Messaggi: 81
Iscritto il: sabato 31 dicembre 2016, 18:11

Re: Il cammino della Conversione al Dio di Gesù Cristo

Messaggioda Sandra » giovedì 18 febbraio 2021, 9:38

Ho appena visto e ascoltato bene il video che è stato proposto. Condivisibili molte considerazioni e azioni proposte dal Rabbino.
Il cristiano ( ma direi ogni persona di buona volontà, mossa da cuore e spirito puri) deve aiutare il suo prossimo.
Noi Dio non lo vediamo, ma vediamo il nostro prossimo.
Certamente bisogna usare prudenza, come nei casi in cui ci si presenti uno/a che chiedono denaro.
Se uno ha fame e sete e bisogno di un vestito, se è nelle nostre possibilità, aiutiamolo o indirizziamolo presso i centri di accoglienza e di aiuto.
Se invece chiedono soldi, sono personalmente contraria. Infatti dietro queste richieste esistono spesso organizzazioni di malavita che sfruttano i poveri oppure che fingono povertà.

MS
Magistero in Scienze Religiose
Pontificia Università Gregoriana
Cattolica della Chiesa Romana
Studiosa della Shoah
Sandra
 
Messaggi: 242
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:30

Re: Il cammino della Conversione al Dio di Gesù Cristo

Messaggioda Tony » giovedì 18 febbraio 2021, 9:41

Caro L'Agnostico è questo il punto . È proprio perché l'uomo non ha i superpoteri per capire se quella persona lo fa in malafede o no che bisogna aiutarla a prescindere . Indipendentemente da cosa pensi dell'altro non sei Dio. L'unico potere che abbiamo è la responsabilità di queste persone . Ti sembrerà strano ma è così . Tu come altri non ne sei esente . Il mio pensiero sarà estremo ma il potere di cui tu parli c'è l'hai e non lo usi ed è quello che rende l'essere umano ancora più umano se usato . Per gente comune intendo proprio quelli che fanno questi ragionamenti inutili che non aiutano ,per gente comune intendo coloro che non fondano la loro vita in dei valori più alti .

E mi arrabbio parecchio quando sento queste stupidaggini perché proprio mentre vogliamo vedere migliorare il mondo non facciamo un bel niente per fare qualcosa ,anche se poco in nostro potere di migliorarlo . Ragioniamo tutti allo stesso modo . Invece di cercare di andare contro un sistema che ha del malthusiano che vuole i ricchi sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri cerchiamo sempre scuse per non sentirci in colpa .
Tony
 
Messaggi: 719
Iscritto il: domenica 26 agosto 2018, 17:35

Prossimo

Torna a La Sacra Scrittura

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti