LIBERO ARBITRIO

Re: LIBERO ARBITRIO

Messaggioda Daminagor » martedì 30 maggio 2017, 17:52

E' vero che il termine utilizzato nella creazione degli animali è diverso dal termine utilizzato nella creazione dell'uomo ?

Non voglio rubare il lavoro a Gianni :d ma posso dirti che effettivamente il verbo ebraico usato per indicare l'atto di formare l'uomo e gli animali è lo stesso ma riferito all'uomo ha 2 yod mentre riferito agli animali ne ha solo una. L'ebraismo insegna che tale differenza è dovuta al fatto che l'uomo nasce con due istinti mentre l'animale con uno solo. וַיִּיצֶר֩ per l'uomo וַיִּצֶר֩ per gli animali
Avatar utente
Daminagor
 
Messaggi: 429
Iscritto il: domenica 29 gennaio 2017, 10:40

Re: LIBERO ARBITRIO

Messaggioda Gianni » martedì 30 maggio 2017, 17:58

Giusto. In Gn 2:7 si legge:
וַיִּיצֶר יְהוָה אֱלֹהִים אֶת־הָאָדָם
vayiytzèr Yhvh Elohìym et ha-adàm
e formò Yhvh Dio l’uomo

Ora, qui appare una forma strana del verbo:
יִּיצֶר (yiytzèr)
Infatti, è scritto stranamente con due yod (י, y). Più avanti, in 2:19, circa gli animali è però scritto: וַיִּצֶר יְהוָה אֱלֹהִים (vayitzèr Yhvh Elohìym), “e formò Yhvh Dio”, e qui il verbo יִּצֶר (yitzèr), “formò”, è scritto correttamente, con una sola yod (י, y).
I rabbini fanno quindi notare che gli animali sono stati creati con un solo istinto, mentre l’essere umano ha due inclinazioni. Lo yod (י, y) è, infatti, la prima lettera della parola יֵצֶר (yètzer), che significa “inclinazione”, come in Gn 6:5: “[Dio] vide che la cattiveria dell’uomo era abbondante sulla terra e che ogni inclinazione [יֵצֶר (yètzer)] dei pensieri del suo cuore era solo cattiva in ogni tempo”. – TNM.
Avatar utente
Gianni
Site Admin
 
Messaggi: 5183
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 11:16
Località: Viareggio

Re: LIBERO ARBITRIO

Messaggioda francesco.ragazzi » martedì 30 maggio 2017, 18:36

Esatto !!! Grazie Daminagor !
Non conosco l'ebraico e me ne rattristo !
Questa differenza potrebbe essere suscettibile di tante interpretazioni, quella che più mi dà interesse è che l'uomo (a differenza degli animali), anche se è scritto che ci anima lo stesso "respiro", ha una "inclinazione" in più nel senso che non si completa nel "materiale" (come gli animali) ma si completa nello "spirituale" ... completezza che sarà manifesta solo al ritorno di Yeshua, quando avverrà la trasformazione da corruttibile in incorruttibile dal materiale allo spirituale .-
Avatar utente
francesco.ragazzi
 
Messaggi: 850
Iscritto il: martedì 1 aprile 2014, 18:17

Re: LIBERO ARBITRIO

Messaggioda Daminagor » martedì 30 maggio 2017, 20:02

quella che più mi dà interesse è che l'uomo (a differenza degli animali), anche se è scritto che ci anima lo stesso "respiro", ha una "inclinazione" in più nel senso che non si completa nel "materiale"


Ho letto qualcosa riguardo alcune spiegazioni date nell'ebraismo riguardo le energie che ci animano. Purtroppo non ho approfondito, ma ricordo che c'era una certa complessità nella trattazione dell'argomento. Personalmente sono un dilettante con l'ebraico, ma più studio la cultura degli ebrei e più rimango estasiato da quanto sia profonda ed articolata la Scrittura, specialmente se vista con i loro occhi...sembra quasi di leggere un altro libro...e per certi versi è davvero così :-)
Avatar utente
Daminagor
 
Messaggi: 429
Iscritto il: domenica 29 gennaio 2017, 10:40

Re: LIBERO ARBITRIO

Messaggioda Gianni » mercoledì 31 maggio 2017, 4:06

Dici bene, Daminagor. E, a ben vedere, è la religione cristiana ad aver trasformato la Bibbia in un altro libro. Eppure, nel primo secolo l'ebreo Paolo era ancora convinto di una grande verità quando scrisse: "Qual è dunque il vantaggio del Giudeo? ... Grande in ogni senso. Prima di tutto, perché a loro furono affidate le rivelazioni di Dio". - Rm 3:1,2.
Avatar utente
Gianni
Site Admin
 
Messaggi: 5183
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 11:16
Località: Viareggio

Re: LIBERO ARBITRIO

Messaggioda francesco.ragazzi » venerdì 2 giugno 2017, 16:28

Cap. 2° di Genesi : “…e Dio creò (la parola usata per “creò” è riferita alla “creazione dall’esistente” mentre nel Cap. 1° si utilizza un verbo che indica la creazione dal nulla) l’uomo dalla “polvere della terra”, soffia in esso uno “spirito di vita” e l’uomo diviene “anima vivente”, quel “diviene” nel testo originale indica un processo di trasformazione, nel senso che l’uomo così creato può divenire un essere vivente (per Dio Via è Vita Eterna), a differenza della creazione degli animali i quali sono subito essere viventi, l’uomo potrà diventarci …..
E’ chiaro che nel caso degli animali e nel caso dell’uomo, vi dev’essere un modo diverso di intendere “essere vivente”, l’animale viene creato già completo, l’uomo non lo è ma potrà diventarlo .-
La vita dell’animale è diversa dalla vita dell’uomo, questi deve subire un processo di trasformazione per diventare “essere vivente”, quindi la vita dell’uomo nel progetto di Dio è una vita diversa da quella animale, possiamo pensare essere superiore, più vicina a Dio. Questa differenza potrebbe essere legata a quello spirito di vita che Dio soffia nell’uomo e non negli animali, che potrebbe essere qualcosa che và al di là del biologico ed entra nel divino.-
E’ come se l’uomo vivesse a cavallo di due mondi, il naturale o biologico e lo spirituale o divino, tutto dipenderà da come si comporterà .-
Avatar utente
francesco.ragazzi
 
Messaggi: 850
Iscritto il: martedì 1 aprile 2014, 18:17

Precedente

Torna a La Sacra Scrittura

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti