Satana e il riscatto

Re: Satana e il riscatto

Messaggioda Giorgia » martedì 27 giugno 2017, 15:17

Dopo questo messaggio, vi chiedo di non scrivere qui per una decina di minuti, così cerco di fare un po' di ordine, ed aprire gli argomenti che vi interessano.

I commenti che sono fuori tema, verranno messi in un argomento che chiamerò OT di "satana e il riscatto".
Ma visto che vi conosco, non fate i permalosi. Non sto moderando, voglio fare ordine, ok?

Altra cosa, Besàsea, qui nessuno impone di credere a nulla. E penso che sia io che Tony, in qualità di moderatori, non abbiamo mai moderato commenti di chi credeva una cosa piuttosto che un'altra. Quello che NON deve succedere, è quello che ho già visto tante volte. Una guerra tra poveri.
Dove tutti si sentono vittime, e per questo si sentono in diritto di diventare i carnefici degli altri.

Io la discussione sulle scritture greche alla luce dell'interpretazione ebraica la apro volentieri. Ma la moderazione sarà severa. Il rispetto dovrà essere totale in tutte le direzione, senza eccezione di sorta.

Esorto inoltre tutti a comportarsi seriamente, con rispetto e soprattutto, se non avete niente di intelligente da dire, di stare in silenzio. Niente "cori da stadio" e applausi ad uno o all'altro, come se fosse un match. Ok? Discussione tra persone che vogliono crescere alla luce della Scrittura.

Si parla dimostrando tutto con la Scrittura.

Non mi piace fare la signorina rottermeier della situazione. Nella vita preferisco fare Heidi. Perciò non costringetemi.



Lascio questo messaggio fino a domani. Qui si continua solo con l'argomento Satana e il riscatto. Ora apro la discussione "scritture greche alla luce dell'interpretazione ebraica" nella sezione La Sacra Scrittura.
Avatar utente
Giorgia
 
Messaggi: 1188
Iscritto il: martedì 9 dicembre 2014, 10:15

Re: Satana e il riscatto

Messaggioda Alen.chorbah » martedì 27 giugno 2017, 23:36

Va bene ritorniamo all'argomento principale. Giusto perché pochi qua prendono poco in considerazione i targum, dopo aver letto un libro che esaminava l'esodo sulla base del targum e del midrash mi si sono aperti mondi sconosciuti a me fin ora. Volevo chiedere, alla luce dei targum, come viene reso e interpretato il capitolo dedicato al re di Tiro?
Avatar utente
Alen.chorbah
 
Messaggi: 185
Iscritto il: venerdì 31 marzo 2017, 20:42

Re: Satana e il riscatto

Messaggioda Besàseà » mercoledì 28 giugno 2017, 0:52

Gianni ha scritto:Voi israeliani parlate una lingua che da una parte ha una storia di migliaia di anni e dall’altra ne ha una che ha meno di cento anni.

Caro Gianni,
non è affatto così, l'ebraico moderno è un'evoluzione dell'ebraico medioevale che a sua volta è un'evoluzione di quello mishnico. C'è sempre stata continuazione.
Peccato che Giorgia ha lasciato qui questo tuo OT e non abbia aperta una discussione apposita sulla lingua ebraica parlata. Sono certo che abbandonerai ben presto questo luogo comune perché so che ti piace approfondire. Ricordo che quando ti dissi che l'ebraismo non deriva dai farisei e che questo è un luogo comune in bocca a tanti studiosi (che lo ripetono a pappagallo senza nemmeno saper leggere una pagina di Talmud), tu mi dicesti che lo sapevi già. Quando sono entrato in questo forum mi sono subito accorto di questo tuo attento approccio agli studi.
Se vuoi approfondire e si aprirà una discussione apposita ti mostrerò, che vi erano addirittura degli studiosi che investigavano la lingua ebraica parlata già nel X secolo. Vi sono testimonianze di linguisti come il masoreta Aharon ben Asher e Rav Saadia haGaon che nei loro libri fanno chiaro riferimento alla lingua ebraica parlata nella loro epoca.

Chiedo gentilmente a Giorgia di riunire il post di Gianni a quello mio che lo seguiva insieme a quest'altro.

O tu credi che un operaio di Khaifah sappia che il nome che dà al suo telefonino – pèlefon – è un misto di ebraico biblico e di greco?

Non ho mai detto che tutti conoscano l'ebraico alla perfezione, ma sapere queste cose non rappresenta delle rare eccezioni. Moltissimi israeliani lo sanno e qualunque israeliano che si interroghi un po' è certamente in grado di dedurlo da se. Non hai fatto dei buoni esempi, ma è vero, l'ebraico è difficile e da filo da torcere a tutti. Io sto continuamente a correggere i miei figli e alcune volte mi è anche capitato di correggere i loro professori.
Tu credi davvero che tutti in Israele sappiano che nissàn è un nome babilonese?

Anche questo non è un gran mistero e tutti quelli che studiano lo sanno bene, lo dice chiaramente il Talmud Yerushalmi che i nomi dei mesi e degli angeli provengono da Babilonia.
Oppure che baqbùq è un nome onomatopeico?

Si è onomatopeico a causa del rumore del liquido che passa attraverso un collo stretto, però è un termine biblico.
Io credo che non lo sappiamo più di quanto un italiano non sa che moltissime nostre parole derivano dal greco, lingua sorella del latino. L’ignoranza impera
.
Gli israeliani in media sono molto meno ignoranti degli italiani. Ma anche presso gli ebrei in generale, per esempio da noi ebrei gli analfabeti sono un fenomeno sconosciuto.

Dall'ebraico e dall'aramaico della Bibbia non è possibile dimostrare l’etimologia dei vocaboli.

Sarei molto lieto di dimostrarti che per l'ebraico le cose sono molto diverse rispetto alle altre lingue semitiche e potrei anche segnalarti qualche testo in italiano.

E che vuol dire shqufìm che troviamo in 1Re 6:4? Dal contesto pare un termine architettonico, ma qual è il suo singolare? Qualcuno ipotizzerebbe shaqùf, ma è tutto dire. In ebraico moderno (israeliano) shaqùf vuol dire “trasparente”. Sarebbe interessante capire come si è arrivati a trasformare un nome dall’incerto significato in un aggettivo con un significato preciso.

Tu dici che in Israèl lo studio dei termini viene approfondito attraverso lo studio delle fonti primarie. Dimmi allora quali sono le fonti primarie del vocabolo shqufìm.

Shkufim, da haskafà, vedere, guardare, ci sono varie fonti talmudiche, che sono fonti primarie.
Il re Shelomo aveva fatto costruire finestre di vetro che le rendeva ermetiche e permetteva di vedere attraverso.

Tornando al vocabolo “cherubino”, quali sarebbero le fonti primarie? Nel Talmud perfino la sua identificazione rimane una questione in sospeso. In Yonah 54 si legge addirittura: “Nel momento in cui i figli di Israele salivano in pellegrinaggio al Tempio, veniva arrotolato in loro onore il Parochet [פרוכת] e gli si mostravano i Cherubini rivolti e uniti uno di fronte all’altro e veniva detto loro: «Guardate quanto siete amati da Dio, quanto l’amore di un uomo di fronte ad una donna!»”. A parte il commento bellissimo, forse tu saprai spiegarmi com’è possibile che al tempo del Tempio ci fosse una tenda a protezione dell’aron di una improbabile sinagoga. E forse saprai anche spiegarmi com’era possibile che il popolo ebraico vedesse i cherubini, che vedeva solo e unicamente il Sommo Sacerdote una sola volta all’anno, quando entrava nel Santissimo in cui erano posti.

Su questo ti ho risposto, mi propongo di approfondire in seguito perché è molto complicato.
Per me valgono solo le opere scritte in ebraico.
Avatar utente
Besàseà
 
Messaggi: 779
Iscritto il: martedì 19 maggio 2015, 20:11

Re: Satana e il riscatto

Messaggioda noiman » mercoledì 28 giugno 2017, 9:20

אם רק ידתי כמה אני שקופה לך
יעל נעים (לוותר) ;;)
נוימן
noiman
 
Messaggi: 827
Iscritto il: domenica 20 aprile 2014, 22:41

Re: Satana e il riscatto

Messaggioda Besàseà » mercoledì 28 giugno 2017, 20:11

Per me valgono solo le opere scritte in ebraico.
Avatar utente
Besàseà
 
Messaggi: 779
Iscritto il: martedì 19 maggio 2015, 20:11

Re: Satana e il riscatto

Messaggioda Gianni » giovedì 29 giugno 2017, 5:01

?אם רק ידעתי כמה אני שקופה לך
Se solo sapessi come trasparente sono io per te?
Avatar utente
Gianni
Site Admin
 
Messaggi: 5570
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 11:16
Località: Viareggio

Re: Satana e il riscatto

Messaggioda Besàseà » martedì 4 luglio 2017, 0:28

Se solo io sapessi quanto ti sono trasparente.
Per me valgono solo le opere scritte in ebraico.
Avatar utente
Besàseà
 
Messaggi: 779
Iscritto il: martedì 19 maggio 2015, 20:11

Re: Satana e il riscatto

Messaggioda Gianni » martedì 4 luglio 2017, 2:59

"Se solo io sapessi quanto ti sono trasparente" ... Sì, si adatta molto meglio al contesto. Frase chiave che tocca contemporanemente profondità e altezza.
Nel testo francese è: "J'avais su à quel point je suis transparente pour toi", "avessi io saputo quanto sono trasparente per te".
Avatar utente
Gianni
Site Admin
 
Messaggi: 5570
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 11:16
Località: Viareggio

Re: Satana e il riscatto

Messaggioda Alen.chorbah » lunedì 17 luglio 2017, 13:15

È stata un po trascurata questa cartella, peccato aveva preso una bella piega. Nel frattempo voglio mettere una scrittura per continuare a riflettere su questo tema.

1 timoteo 1:20
Imeneo+ e Alessandro+ appartengono a questi, e io li ho consegnati a Satana,+ affinché mediante la disciplina imparino* a non bestemmiare
Avatar utente
Alen.chorbah
 
Messaggi: 185
Iscritto il: venerdì 31 marzo 2017, 20:42

Re: Satana e il riscatto

Messaggioda marco » lunedì 17 luglio 2017, 17:40

ïn {tra questi} ™stin {sono} Ømšnaioj {imeneo} kaˆ {e} ¢lšxandroj {alessandro}, oÞj {che}
paršdwka {ho consegnati} tù {a} satan´ {satana} †na {affinché} paideuqîsin {imparino a} m¾ {non}
blasfhme‹n {bestemmiare}.

Tra questi sono Imeneo e Alessandro, che ho consegnati a Satana affinché imparino a non bestemmiare.

Questo è un ottimo versetto per comprendere il ruolo e il potere di Satana.
Paolo nel verso precedente, dopo aver elogiato la fede di Timoteo, avverte lo stesso di alcuni che hanno fatto naufragio nella fede, massima disgrazia, e tra questi ci sono Imeneo e Alessandro.
La consegna di questi due personaggi a Satana da parte di Paolo non è altro che l'esclusione dalla chiesa. Fuori dalla chiesa di Cristo regna Satana. Non ci sono zone franche, come pensa qualcuno. La verità, la protezione e la salvezza sono solo per coloro che dimora all'interno.
Tutto intorno è satanico. Paolo ha lottato contro mille eresie sapendo benissimo che il suolo sicuro dove poggiare i piedi era molto molto ristretto rispetto all'immensità della perdizione.
Fuori di Cristo c'è Satana.
marco
 
Messaggi: 1940
Iscritto il: mercoledì 2 aprile 2014, 18:47

PrecedenteProssimo

Torna a La Sacra Scrittura

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite