Riflessioni Bibliche

chelaveritàtrionfi
Messaggi: 3623
Iscritto il: venerdì 11 aprile 2014, 23:31
Località: Italia

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da chelaveritàtrionfi »

Giovanni 1:14

C.E.I.: E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi; e noi vedemmo la sua gloria, gloria come di unigenito dal Padre, pieno di grazia e di verità.

Ho logos sarx egeneto

ἐγένετο (egeneto)
Strong's 1096: Prolungamento e forma di voce media di un verbo primario; far essere, cioè divenire, usato con grande latitudine.
σὰρξ (sarx) Sostantivo
Strong's 4561: Carne, corpo, natura umana, materialità; affini.

1096. γίνομαι (ginomai)

Matteo 7:28 V-AIM-3S
GRK: Καὶ ἐγένετο ὅτε ἐτέλεσεν
KJV: E avvenne quando Gesù
INT: E avvenne quando ebbe finito

Matteo 8:26 V-AIM-3S
GRK: θαλάσσῃ καὶ ἐγένετο γαλήνη μεγάλη
NAS: e il mare, e divenne perfettamente

Matteo 9:10 V-AIM-3S
GRK: Καὶ ἐγένετο αὐτοῦ ἀνακειμένου
NAS: Allora avvenne che come Gesù

https://biblehub.com/john/1-14.htm
https://biblehub.com/greek/strongs_1096.htm

1096 gínomai – propriamente emergere , divenire , passare da un punto (regno, condizione) a un altro. 1096 ( gínomai ) significa fondamentalmente " divenire " (divenire, divenire) quindi non è un esatto equivalente del verbo ordinario equativo "essere" ( è , era , sarà ) come con 1510 /eimí ( 1511 /eínai , 2258 / ēn ).
1096 ( ginomai ) significa " divenire , e significa cambiamento di condizione, stato o luogo " (Vine, Unger, White, NT , 109).M. Vincent, " 1096 ( gínomai ) significa venire in essere/manifestazione che implica movimento, movimento o crescita " (in 2 Pt 1:4). Quindi è usato per le azioni di Dio che emergono dall'eternità e diventano (mostrandosi) nel tempo (spazio fisico).
https://biblehub.com/greek/1096.htm
Per me contano i documenti scritti perchè li possa verificare. "Ora i bereani .. accolsero il messaggio con grande entusiasmo e esaminarono ogni giorno le Scritture per vedere se questi insegnamenti erano veri". Atti 17:11 BSB
chelaveritàtrionfi
Messaggi: 3623
Iscritto il: venerdì 11 aprile 2014, 23:31
Località: Italia

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da chelaveritàtrionfi »

1 Corinzi 2:7

μυστηρίῳ (mystēriō) Sostantivo - Dativo Neutro Singolare
Strong's 3466: Da un derivato di muo; un segreto o 'mistero'.
ἀποκεκρυμμένην (apokekrymmenēn) Verbo - Participio Perfetto Medio o Passivo - Accusativo Femminile Singolare
Strong’s 613: Nascondersi, nascondere, mantenere il segreto. Da apo e krupto; nascondersi; in senso figurato, per mantenere il segreto.
σοφίαν (sophian) Sostantivo - Accusativo Femminile Singolare
Strong's 4678: Saggezza, perspicacia, abilità (umana o divina), intelligenza. Da sophos; saggezza.
Θεοῦ (Theou) Sostantivo - Genitivo Maschile Singolare
Strong's 2316: Una divinità, specialmente la Divinità suprema; in senso figurato, un magistrato; dall'ebraismo, molto.

New International Version (NIV) No, dichiariamo la saggezza di Dio, un mistero che è stato nascosto e che Dio ha destinato alla nostra gloria prima dell'inizio del tempo.

New Living Translation (NLT) No, la saggezza di cui parliamo è il mistero di Dio, il suo piano che era precedentemente nascosto, anche se lo ha fatto per la nostra gloria ultima prima dell'inizio del mondo.

Italian Standard Version (ISV) Ma noi impartiamo una sapienza segreta e nascosta di Dio, che Dio ha decretato prima dei secoli per la nostra gloria.

Berean Standard Bible (BSB) No, parliamo della misteriosa e nascosta sapienza di Dio, che ha destinato alla nostra gloria prima dell'inizio del tempo.

Berean Literal Bibl(BLB) Ma noi parliamo in un mistero, essendo stata nascosta la sapienza di Dio, che Dio ha preordinato prima dei secoli per la nostra gloria,

Bibbia di Re Giacomo Ma parliamo della saggezza di Dio in un mistero, anche la saggezza nascosta, che Dio ha ordinato davanti al mondo alla nostra gloria:

New King James Version (NKJV)Ma parliamo della saggezza di Dio in un mistero, la saggezza nascosta che Dio ha ordinato prima dei secoli per la nostra gloria,

New American Standard Bible (NASB), ma parliamo della saggezza di Dio in un mistero, la saggezza nascosta che Dio ha predestinato prima dei secoli alla nostra gloria;

NASB 1995 ma diciamo la sapienza di Dio in un mistero, la sapienza nascosta che Dio ha predestinato prima dei secoli alla nostra gloria;

NASB 1977 ma diciamo la sapienza di Dio in un mistero, la sapienza nascosta, che Dio ha predestinato prima dei secoli alla nostra gloria
https://biblehub.com/1_corinthians/2-7.htm

Nuova Riveduta: ma esponiamo la sapienza di Dio misteriosa e nascosta, che Dio aveva prima dei secoli predestinata a nostra gloria

C.E.I.: parliamo di una sapienza divina, misteriosa, che è rimasta nascosta, e che Dio ha preordinato prima dei secoli per la nostra gloria.

Nuova Diodati: ma parliamo della sapienza di Dio nascosta nel mistero, che Dio ha preordinato prima delle età per la nostra gloria,

Martini: Ma parliamo della sapienza di Dio in mistero, di quella occulta, di quella preordinata da Dio prima de' secoli per nostra gloria.

Diodati: Ma ragioniamo in misterio la sapienza di Dio occulta, la quale Iddio ha innanzi i secoli determinata a nostra gloria.
https://www.laparola.net/testo.php?rife ... []=Diodati

TNM: Parliamo invece della sapienza di Dio espressa in un sacro segreto, la sapienza nascosta, che Dio aveva già stabilito prima dei sistemi di cose per la nostra gloria
https://www.jw.org/it/biblioteca-digita ... corinti/2/


4. Θεός è usato per tutto ciò che può in qualche modo essere paragonato a Dio, o gli somiglia in qualche modo : Ebraisticamente, equivalente al rappresentante o vicegerente di Dio, di magistrati e giudici, Giovanni 10:34 f dopo Salmo 81:6() ( del saggio , Philo de mut . _ _ _ _ _ _ _ ); πατήρ καί μήτηρ ἐμφανεις εἰσί θεοί , μιμούμενοι τόν ἀγεννητον ἐν τῷ ζοωπλάστειν , de decal. § 23; ὠνομάσθη (ie Moses) ὅλου τοῦ ἔθνους Θεός καί βασιλεύς , de vita Moys. io. § 28; (de migr. Abr. § 15; de alleg. leg. i. § 13)); del diavolo, ὁ Θεός τοῦ αἰῶνος τούτου (vedi αἰών , 3), 2 Corinzi 4:4 ; la persona o cosa a cui si è totalmente devoti, per la quale solo si vive, ad esempio ἡ κοιλία , Filippesi 3:19 .

LESSICO GRECO DI THAYER, Database Elettronico.
https://biblehub.com/greek/2316.htm

Da dove trae origine la nozione di “dio” (in greco theós)? Nei due brani riportati qui di seguito – rispettivamente un frammento di Sesto Empirico (II-III secolo d.C.) relativo al De philosophia di Aristotele e un passo dell’apologia Ad Autolico di Teofilo di Antiochia (II secolo d.C.) – l’idea di divinità viene accostata all’ordine e al movimento della volta celeste. Per Aristotele, scrive Sesto Empirico, l’origine della nozione di dio è duplice, derivando «da ciò che accade nell’anima e dai fenomeni celesti». Il legame tra la divinità e il movimento regolare dei pianeti sarebbe testimoniato, secondo Teofilo, anche da un punto di vista etimologico: «È chiamato Dio (Theós) perché ha fondato tutte le cose sulla propria stabilità e per il (significato di) théein […] correre, essere in movimento, essere attivo».
https://disf.org/educational/sesto-empi ... ione-theos
Per me contano i documenti scritti perchè li possa verificare. "Ora i bereani .. accolsero il messaggio con grande entusiasmo e esaminarono ogni giorno le Scritture per vedere se questi insegnamenti erano veri". Atti 17:11 BSB
Avatar utente
Tiger
Messaggi: 878
Iscritto il: giovedì 23 aprile 2020, 8:42

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da Tiger »


Caro Naza e Gianni, mi avete dato un po' da leggere, appena ho tempo leggerò con attenzione :-)
chelaveritàtrionfi
Messaggi: 3623
Iscritto il: venerdì 11 aprile 2014, 23:31
Località: Italia

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da chelaveritàtrionfi »

Tiger ha scritto: venerdì 2 dicembre 2022, 18:32
Caro Naza e Gianni, mi avete dato un po' da leggere, appena ho tempo leggerò con attenzione :-)

:-) Prenditi il tempo che vuoi. Aggiungo questo e poi mi taccio per un pò.

Questi sono analisi di termini e traduzioni. Voi che siete bravi non ne avete di certo bisogno, ma potrebbero essere utili per dare la possibilità a tutti di verificare velocemente tutte queste spiegazioni. Ovvio che ci sono altre fonti che voi più esperti nella lingua greca indicherete e spiegherete. Partendo dai termini, ci sono tutte le altre questioni da trattare, un pò alla volta.

Il problema è legato anche all'esprimere concetti ebraici nella lingua greca, utilizzando termini e concetti filosofici noti e soprattutto nel separare quelli come "corporeità" ed altri attributi divini, facendo riferimento all'essere umano. Ecco perchè Maimonide, per esempio, parla di due vie parallele alla comprensione di un'unica verità: la tradizione ebraico/giudaica e la filosofia di Aristotele. Ma si parla anche di due categorie legate a due livelli di comprensione: la massa (volgo) e l'èlite, ossia pochi eletti che hanno il privilegio di arrivare a comprendere ciò che è il limite della comprensione umana. Ognuno, tramite lo studio ecc. può cercare di seguire diverse vie, tentando di spiegare certi concetti complessi.

Maimonide (nella "Guida dei Perplessi") scrive che più ci si avvicina alla conoscenza di Dio più ci si rende conto della sua inconoscibilità, per cui non è possibile creare un’immagine (inesistente) di Dio fondata su qualità che egli non ha. Piuttosto che considerare "attributi positivi" come per esempio "potenza" sarebbe più idonea l'attribuzione di caratteri negativi (ovvero che presentano una negazione), come per esempio "non impotenza" (in riferimento all'esempio precedente). Come anche la credenza della corporeità di Dio, secondo Maimonide, rientra negli atti di miscredenza e l’idolatria una delle più gravi offese a Dio. L'antropomorfismo (in riferimento alla divinità) serve al volgo per comprendere concetti in maniera concreta, ma sono in realtà allegorie.

Onqelos, il traduttore aramaico della Bibbia, si è sforzato nella traduzione (Targum) di eliminare qualsiasi riferimento alla corporeità contenuta nel testo. Pertanto, di ogni attributo che la scrittura attribuisce a Dio e che conduce corporeità, egli interpreta il significato allegorico. Ogni termine che indica una specie di movimento, va interpretato in senso di manifestazione di luce creata, ossia come un segno della presenza divina o dell’azione della provvidenza. Così Dio che cavalca le nubi del cielo, il trono, l’immagine dei carri celesti ecc.. sono allegorie del governo di Dio che esercita nei cieli, che per la filosofia aristotelica sono le regioni che stanno al di sopra della luna.

Poi ci ritroviamo la dottrina greca del "lògos" basata su concetti prettamente filosofici ma interpretata successivamente come esistenza e corporeità. Giovanni sin dal primo capitolo (1:1) fa riferimento al principio in cui vi sono due dimensioni: quella invisibile (spirituale) e quella materiale (sfera celeste delle stelle e quella terrestre). Elohim è colui che non si vede nel mondo manifesto ma si ode con la sua voce e tutto appare. La voce (parola), diventa il lògos Giovanneo, quello che appare nella sfera manifesta (dove l'uomo può ascoltare). Serve a dare una spiegazione concreta del divenire, del venire all'esistenza in forma materiale. Quindi nel mondo invisibile vi è Elohim ma Giovanni usa l'espressione Thèos o Theon ecc. che sono termini greci riferiti a ciò che "corrono sopra" ovvero le stelle (il mondo al di sopra della luna). Questa sfera celeste ha anch'èssa caratteristiche di visibilità ed invisibilità. La visibilità è legata alla sua presenza fisica dell'astro (la stella si vede). L'invisibilità è legata all'azione della stella (energia che emana).

Ma è Thèos (colui che sta sopra) che ha creato tutto e le stelle sono il suo "'esercito del cielo". Le azioni, che sono i suoi attributi positivi, così come l'ira, sono manifestazioni. Così anche "'immagine" è legata al concetto aristoletico di "forma" che equivale all'intelletto e non alla figura dell'essere umano. Così il "lògos" (la parola creatrice), diviene da concetto astratto a concetto concreto, perchè appare nel mondo creato affinchè l'essere umano possa ascoltare.

Mi fermo qui perchè non so se sono riuscito ad esprimermi in maniera corretta e comprensibile #:-S
Per me contano i documenti scritti perchè li possa verificare. "Ora i bereani .. accolsero il messaggio con grande entusiasmo e esaminarono ogni giorno le Scritture per vedere se questi insegnamenti erano veri". Atti 17:11 BSB
Avatar utente
Maria Grazia Lazzara
Messaggi: 415
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2022, 5:38

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da Maria Grazia Lazzara »

Anchio vorrei dare un piccolo contributo , alla scrittura di 1 Corinti 2:7

Ma vorrei fare prima una piccola premessa : quando un ragionamento esula dalla ragione , dalla logica e dalla coerenza ,facoltà che Dio ci ha dato per usarle perché dobbiamo escluderli per entrare in idee così contorte che alla fine sono un insulto alla nostra intelligenza . Nel capitolo 2 di 1Corinti Paolo fa una distinzione tra la sapienza di questo mondo e la sapienza di Dio. Sapienza umana : grado di conoscenza, Sapienza di Dio : il più alto grado di conoscenza della cose . Leggo nel mio dizionario Zingarelli sapienza ,manifestazione di Dio come Creatore e ordinatore provvidenziale del mondo nel giudaismo ,nella teologia cristiana sapienza ,attributo divino che si identifica con il Verbo . Attributo leggo ,qualità o caratteristica di una persona . In conclusione io deduco che nessuna ha ricevuto la porzione di sapienza in ugual misura come Jeshua' . E Paolo al capitolo 1: 30 esorta i Corinti ad essere uniti a Jeshua ' appropriatamente perché lui è divenuto per noi non solo sapienza di Dio ma anche giustizia ,santificazione e liberazione mediante riscatto .
Avatar utente
Maria Grazia Lazzara
Messaggi: 415
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2022, 5:38

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da Maria Grazia Lazzara »

Grazie Gianni per la tua eccellente spiegazione , istruttiva senza dubbio , chiara e comprensibile e' facile seguirti !
Avatar utente
Tiger
Messaggi: 878
Iscritto il: giovedì 23 aprile 2020, 8:42

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da Tiger »

Gianni ha scritto: venerdì 2 dicembre 2022, 5:59 PREGO TUTTI DI LEGGERE: potrebbe essere istruttivo.

Tiger, a volte a qualcuno succede che crede di dire chissà cosa e in modo chiaro, ma in verità quel qualcosa è chiaro solo per lui e chi l’ascolta non ci capisce niente. Non so se questo è il tuo caso, ma per ciò che riguarda me è vero che non capisco quello che dici.
il fatto che non ci capiamo, è perché Abbiamo due concetti di Dio diversi.

Ora ti dico chiaro e tondo come stanno le cose per quel poco che credo di aver capito, poi ti prego di accettare che io esaurisca qui la mia partecipazione a questa specie di scambio non so bene su cosa.
sei liberissimo di farlo, ne possiamo discutere come possiamo anche chiudere non c'è problema.
Questa specie di scambio, serve a capire cosa realmente dicono le Scritture. Come ho sempre detto, se non si capiscono I veri significati di certi termini, è inutile leggere le scritture perché ormai sono 2000 anni che si batte sempre sullo stesso Ferro senza arrivare a un dunque.


Mi limito a questa tua dichiarazione: “Ribadisco che il termine θεου andrebbe tradotto con divinità, perché quello è il suo significato. Io ti ho fatto notare che in 1 Cor. 2,7 il termine θεου è tradotto con divinità. Controlla”.

Se mi dici “controlla”, che cosa dovrei controllare, e perché? Non ho bisogno di controllare se indichi la fonte. Controllerei solo nel caso di dubbi. Quando ti ho domandato chi è che traduce θεου con "divinità", ho aggiunto: “Dovresti indicare il traduttore”. Non perché mettessi in dubbio che qualcuno traduca così, ma per invitarti ad essere chiaro e preciso.

Ora, Tiger, devi sapere che ci sono diversi modi di tradurre la Bibbia. Diciamo che possono essercene 3 o 4. Te li dico:

1. Traduzione assolutamente fedele all’originale. È quella delle interlineari o, almeno, dovrebbe, perché a volte alcune non rispettano questo criterio.
2. Traduzione che tende al letterale. La traduzione letterale delle interlineari non può essere proposta tale e quale ma va adattata all’italiano. Nel farlo alcuni traduttori cercano di mantenersi però sul letterale per essere più fedeli al testo biblico.
3. Libera traduzione. Ha il grosso vantaggio di rendere piacevole la lettura e di renderla immediatamente comprensibile. Ha lo svantaggio di non essere adatta allo studio, perché chi studia ha bisogno spesso di esaminare una parola o un verbo per come appare nel testo sacro.
4. Traduzione ancora più libera o perfino parafrasata. Stessi vantaggio e svantaggio della precedente, ma più accentuati.
Gianni, Concordo su quanto dici , però qui non si tratta di rendere piacevole una lettura, aggiungendo o togliendo un articolo o una preposizione a proprio piacimento, secondo la distensione di un traduttore, nelle scritture basta cambiare una virgola per cambiarne il senso.
Se non stiamo nell'ortodossia, qui siamo punto e a capo a non capire un fico secco. Il problema è proprio questo, prendere una lingua antica per poterla rendere grammaticalmente comprensibile in un'altra, se ne stravolge il significato.

Se ciò ti è chiaro, mettiamolo alla prova con 1Cor 2:7.

Traduzione di tipo 1, interlineare. È quella che ho fatto nel mio precedente intervento: “Parliamo di Dio una sapienza”. Spesso il greco, come il latino, mette il complemento di specificazione (genitivo) prima del complemento oggetto (accusativo), ma in italiano non è così, per cui – per rendere comprensibile la frase paolina – dobbiamo tradurre “parliamo una sapienza di Dio”. Ma ancora non basta, perché il verbo greco è transitivo, ma in italiano no, per cui dire ‘parliamo una sapienza’ sarebbe un errore. Possiamo allora tradurre più correttamente “parliamo di una sapienza” oppure usare un verbo italiano transitivo.

Traduzione di tipo 2. Messa in corretto italiano, ma letterale. È ciò che fa la vecchia TNM: “Esprimiamo la sapienza di Dio”, che però commette l’errore di inserire l’articolo “la” che è assente nel testo biblico. La nuova TNM cerca di fare un passo avanti nell’italiano e traduce: “Parliamo invece della sapienza di Dio”.

Traduzione di tipo 3. È quella di TILC: “Parliamo della misteriosa sapienza di Dio”. Noti in quale stupendo italiano si esprime? Il testo letterale greco è “parliamo di Dio una sapienza in mistero la nascosta”.

Traduzione di tipo 4. “La nostra sapienza è quella di Dio”. – BDG.

Dove si colloca la CEI (“parliamo di una sapienza divina”)? Direi tra la 2 e la 3. Nel tradurre “divina” è decisamente sulla 3. La nuova CEI torna al tipo 2: “Parliamo invece della sapienza di Dio”.

È sbagliato tradurre “divina” il genitivo θεοῦ? Sì, se la Bibbia la studi; no, se la Bibbia la leggi.
Gianni, il tuo ragionamento non fa una piega. Ma  come ti ho già detto cercare di rendere la grammatica di una lingua antica, con la grammatica dell'italiano di oggi,  ne può stravolgere il significato. Nell'ambito Ionico, non si parlava esclusivamente il greco, ma c'erano molte forme dialettali.
L'originale si dovrebbe tradurre così:  < ma parliamo del Divino, Sapienza nel mistero quello che è stato criptato ( απο-κρυπτω)> si potrebbe anche dire:
" quello da nascondere"
Come vedi, il senso cambia.



Ora l’ultima cosa: è del tutto falso che il termine greco θεοῦ si possa tradurre “divinità”. Intanto è un genitivo, per cui casomai sarebbe “di divinità”.
Il mio era per fare un esempio, lo so che ci va la preposizione.


Ma il termine θεός indica un “dio”, sia quello vero, Uno e Unico, che uno falso; dipende dal contesto.

Per “divinità” il greco ha due apposite parole: θειότης e θεότης, le quali hanno sfumature diverse.
il termine θεός indica  "divinità - divino " il termine Dio è fuorviante, è  un'aggiunta posteriore. È fuorviante perché dà un senso antropomorfico della Divinità, e le genti si immaginano una divinità antropomorfica. Niente di più erroneo. Anche per il termine "Dio" il greco ha un termine apposito. Διός(Dios) e non "θεός", Διός indicava Zeus, appunto un Dio antropomorfico.
Se dobbiamo essere proprio onesti, anche per il termine Messia = unto in greco antico Esiste un termine apposito "Μεσσίας" che deriva sempre dall'ebraico. Però si vuole per forza tradurre Χριστός (Christos) con "unto" che non c'entra un fico secco. Χριστός è Χρισμα(Chrisma) e cioè, "olio che unge".



Ora, Tiger, intendo chiudere qui questa conversazione. Puoi continuarla con altri, ma non con me, perché mi mandi nel pallone e, per dirla tutta, parlare di calendario è al confronto una passeggiata.
Gianni, nessuno ti obbliga, è per fare chiarezza. Vai nel pallone perché non riesci ad uscire dal blog delle traduzioni convenzionali.


Se mi sono dilungato è soprattutto perché credo sia utile per molti sapere quali sono i criteri con cui si procede alle traduzioni bibliche.
Gianni, Secondo me questi criteri sono erronei e confessionali perché non esprimono ciò che realmente dicono le Scritture. Prova ne è il fatto che sono duemila anni che si gira e rigira sempre la stessa frittata, e io non ho voglia più di girare sempre la stessa frittata perché siamo sempre punto e a capo.
Shay
Messaggi: 434
Iscritto il: martedì 25 ottobre 2022, 18:07

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da Shay »

Tiger ha scritto: sabato 3 dicembre 2022, 13:11 Gianni, Secondo me questi criteri sono erronei e confessionali perché non esprimono ciò che realmente dicono le Scritture. Prova ne è il fatto che sono duemila anni che si gira e rigira sempre la stessa frittata, e io non ho voglia più di girare sempre la stessa frittata perché siamo sempre punto e a capo.
Tiger, sei un grande! Hai avuto il coraggio di uscire dai soliti schemi. Ti leggo con piacere, ma purtroppo non conosco il greco.
Avatar utente
Maria Grazia Lazzara
Messaggi: 415
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2022, 5:38

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da Maria Grazia Lazzara »

Leggo le vostre citazioni e suppongo siano anche ciò in cui fate affidamento , dite che è sbagliato ,dire Dio , e immaginare un Dio antropomorfico ovvero un Dio con forme e sentimenti umani , e allora andiamo al sodo , non posso chiamarlo Padre , non posso chiamarlo Eterno , non posso chiamarlo Creatore non posso chiamarlo altissimo ,non posso chiamarlo col tetagramma perché non si sa l'esatta pronuncia , come lo chiamo ? Luce ? Celeste , non so ,dite voi , lo chiamo Lui ? Non è dotato di sentimenti umani ? E i sentimenti che voi provate umani chi ce li ha dotati ? Chi ce li ha dotati deve necessariamente conoscerli e provarli ,altrimenti non può averli trasmessi a noi e vi dirò di più , ho letto che Lui cioè Dio ha una parte femminile , come ho fatto a non pensarci prima , mi ha fatto Lui quindi deve sapere cosa significa tutto ciò che è donna e madre , perché Lui si paragon a una madre , questo significa entrare entrare un po' nei suoi meandri , nel profondo, non abbandonando la ragione e la logica . Questi studiosi che voi citate per primi voi dovete vagliare ciò che dicono , non è detto che perché è un tale dei tali , tutto ciò che dice e' vero . Molti si rivolgono a dei Maestri ma io mi chiedo a chi crede in Jeshua' ,c'è qualcuno migliore di Lui come insegnante di Vita ? Perché non addentrarsi in lui visto che fu riempito della sapienza di Dio ? O scusate come dovevo chiamarlo Luce ? Celeste ?
Shay
Messaggi: 434
Iscritto il: martedì 25 ottobre 2022, 18:07

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da Shay »

Tiger ha scritto: mercoledì 30 novembre 2022, 19:25
Maria Grazia Buonasera. Ti ho sistemato il post. Devi sapere che quando fai "quote" devi cominciare a scrivere dopo il quote con la barra, cioè così ---> [/ ]
Quando vuoi quotare una frase anche copiandola e incollandola da un'altra discussione, fai così:
[ ..... ] <--- Metti prima il quote senza Barra è chiaro che dentro quelle parentesi quadre ci devi scrivere "quote"
poi ci metti la frase che hai copiato, e poi dopo la frase ci metti il quote con la barra e cioè così --> [/ ]
Tu poi inizierai a scrivere dopo il quote con la barra. Spero di essermi spiegato :-)

Ciao Tiger,
per far visualizzare i comandi devi usare il tasto code, sta accanto al tasto quote e ha questo grafico </>
e te lo visualizza così:

Codice: Seleziona tutto

scrivere dopo il quote con la barra, cioè così:[/quote] scrivere da qui

Codice: Seleziona tutto

[quote][/quote]

Codice: Seleziona tutto

[u][i][b][/b][/i][/u]
Per quotare basta evidenziare la frase da quotare e poi cliccare sul tasto quote e ci pensa lui a mettere i comandi prima e dopo la frase.
Ancora meglio si fa se prima si clicca sul tasto rispondi e poi da sotto, dall'elenco dei post scorsi, scegli la frase da quotare evidenziandola e poi clicca sul tasto quote del post, che sta in alto a destra di ogni post.

Spero di essere stato di aiuto.
Rispondi