Riflessioni Bibliche

Avatar utente
Maria Grazia Lazzara
Messaggi: 1265
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2022, 5:38

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da Maria Grazia Lazzara »

Anchio vorrei dare un piccolo contributo , alla scrittura di 1 Corinti 2:7

Ma vorrei fare prima una piccola premessa : quando un ragionamento esula dalla ragione , dalla logica e dalla coerenza ,facoltà che Dio ci ha dato per usarle perché dobbiamo escluderli per entrare in idee così contorte che alla fine sono un insulto alla nostra intelligenza . Nel capitolo 2 di 1Corinti Paolo fa una distinzione tra la sapienza di questo mondo e la sapienza di Dio. Sapienza umana : grado di conoscenza, Sapienza di Dio : il più alto grado di conoscenza della cose . Leggo nel mio dizionario Zingarelli sapienza ,manifestazione di Dio come Creatore e ordinatore provvidenziale del mondo nel giudaismo ,nella teologia cristiana sapienza ,attributo divino che si identifica con il Verbo . Attributo leggo ,qualità o caratteristica di una persona . In conclusione io deduco che nessuna ha ricevuto la porzione di sapienza in ugual misura come Jeshua' . E Paolo al capitolo 1: 30 esorta i Corinti ad essere uniti a Jeshua ' appropriatamente perché lui è divenuto per noi non solo sapienza di Dio ma anche giustizia ,santificazione e liberazione mediante riscatto .
Avatar utente
Maria Grazia Lazzara
Messaggi: 1265
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2022, 5:38

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da Maria Grazia Lazzara »

Grazie Gianni per la tua eccellente spiegazione , istruttiva senza dubbio , chiara e comprensibile e' facile seguirti !
Avatar utente
Maria Grazia Lazzara
Messaggi: 1265
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2022, 5:38

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da Maria Grazia Lazzara »

Leggo le vostre citazioni e suppongo siano anche ciò in cui fate affidamento , dite che è sbagliato ,dire Dio , e immaginare un Dio antropomorfico ovvero un Dio con forme e sentimenti umani , e allora andiamo al sodo , non posso chiamarlo Padre , non posso chiamarlo Eterno , non posso chiamarlo Creatore non posso chiamarlo altissimo ,non posso chiamarlo col tetagramma perché non si sa l'esatta pronuncia , come lo chiamo ? Luce ? Celeste , non so ,dite voi , lo chiamo Lui ? Non è dotato di sentimenti umani ? E i sentimenti che voi provate umani chi ce li ha dotati ? Chi ce li ha dotati deve necessariamente conoscerli e provarli ,altrimenti non può averli trasmessi a noi e vi dirò di più , ho letto che Lui cioè Dio ha una parte femminile , come ho fatto a non pensarci prima , mi ha fatto Lui quindi deve sapere cosa significa tutto ciò che è donna e madre , perché Lui si paragon a una madre , questo significa entrare entrare un po' nei suoi meandri , nel profondo, non abbandonando la ragione e la logica . Questi studiosi che voi citate per primi voi dovete vagliare ciò che dicono , non è detto che perché è un tale dei tali , tutto ciò che dice e' vero . Molti si rivolgono a dei Maestri ma io mi chiedo a chi crede in Jeshua' ,c'è qualcuno migliore di Lui come insegnante di Vita ? Perché non addentrarsi in lui visto che fu riempito della sapienza di Dio ? O scusate come dovevo chiamarlo Luce ? Celeste ?
Avatar utente
Gianni
Site Admin
Messaggi: 10074
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 10:16
Località: Viareggio
Contatta:

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da Gianni »

Tiger, mi spieghi come faccio a seguirti se dici: «L'originale si dovrebbe tradurre così: <ma parliamo del Divino >»? Ti ripeto che θεοῦ significa “di Dio”. E ora aggiungo che si tratta di un sostantivo. Non puoi assolutamente tradurre un sostantivo genitivo con un aggettivo sostantivato all’accusativo aggiungendo perfino l’articolo.

Mi spieghi come faccio a seguirti se dici: «Il termine Dio è fuorviante, è un'aggiunta posteriore»? Per fare una simile affermazione dovresti portare a testimone almeno un manoscritto in cui non compaia il termine θεοῦ. Se tu fossi in grado di produrlo rivoluzioneresti la biblistica. Nell’attesa, lascia fare ai critici testuali il loro lavoro. Sono degli esperti al massimo livello.

Io andrei nel pallone perché non riesco ad uscire dal blog delle traduzioni convenzionali? Amico mio, io le traduzioni le consulto e spesso le critico. Io la Bibbia la studio sugli originali e ho sempre dichiarato che la Bibbia vera è quella, non le sue traduzioni.

Ti leggerò volentieri, Tiger, ma su queste basi non posso interloquire. Ma un ammiratore lo hai: Shay, che ti definisce un grande. Non credo che lo intendesse in senso ebraico (רַב, rav, da cui rabbino), ma accontentati. ;)
chelaveritàtrionfi
Messaggi: 4130
Iscritto il: venerdì 11 aprile 2014, 23:31
Località: Italia

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da chelaveritàtrionfi »

Ragazzi, ognuno di noi ha un modo di intendere e ciò dipende da tante cose, anche dal nostro percorso di studi. Sopra ho riportato una lista di spiegazioni dalla concordanza. Ho anche riportato una spiegazione sui termini greci ed ho portato all'attenzione la questione dei termini greci e la loro filosofia. C'è tanto su cui meditare. Ciò che ho compreso fino ad oggi è che gli autori delle scritture greche hanno utilizzato termini e concetti già esistenti, adattandoli al messaggio che si voleva comunicare. Facendo un collegamento con il passato, per esempio, c'erano i sabii al tempo di Abramo che come tanti ritenevano nelle cose le divinità, ma in realtà era l'uno che mandava i suoi messaggeri per comunicare con i profeti perchè i messaggeri vengono prima dei profeti ed i profeti vengono prima della legge (Maimonide). Al tempo dei greci, la lingua era quella e l'insegnamento doveva essere diffuso nel mondo attraverso quella lingua. Occorreva aggiustare certe filosofie ma parlando con il linguaggio greco. Theoi era un termine riferito agli astri quindi anche alle divinità. Ma è l'uno che sta sopra a queste cose e per definirlo si sono utilizzati gli stessi termini. Questo è noto e non c'è bisogno di ricordarlo a voi, magari a chi legge. La comprensione dei vangeli e delle scritture greche, in particolare Giovanni, passa dalla comprensione della filosofia greca e del modo di insegnare ebraico. Non c'è collegamento? In realtà c'è. La sapienza antica poteva essere rivelata attraverso due vie, ma solo pochi riuscivano a comprenderla. Questa è la gnosi (conoscenza) ed è legata principalmente alla conoscenza di se stessi, del proprio intelletto e della propria intuizione.

Le correnti gnostiche, quelle nate a cavallo delle due ere, sono semplicemente delle correnti. Certamente tra queste abbiamo almeno una linea di trasmissione di una certa conoscenza antica. Noi cosa abbiamo? I testi, l'intelletto, la storia, il nostro percorso culturale e le capacità personali individuali (che possono essere comunque sviluppate).
Per me contano i documenti scritti perchè li possa verificare. "Ora i bereani .. accolsero il messaggio con grande entusiasmo e esaminarono ogni giorno le Scritture per vedere se questi insegnamenti erano veri". Atti 17:11 BSB
chelaveritàtrionfi
Messaggi: 4130
Iscritto il: venerdì 11 aprile 2014, 23:31
Località: Italia

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da chelaveritàtrionfi »

Tiger, ho semplicemente scritto che ognuno ha il suo modo di intendere, il resto è il mio pensiero sulla questione.....meditando sulle cose che ho riportato.
Per me contano i documenti scritti perchè li possa verificare. "Ora i bereani .. accolsero il messaggio con grande entusiasmo e esaminarono ogni giorno le Scritture per vedere se questi insegnamenti erano veri". Atti 17:11 BSB
Avatar utente
Maria Grazia Lazzara
Messaggi: 1265
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2022, 5:38

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da Maria Grazia Lazzara »

Tiger ha scritto: sabato 3 dicembre 2022, 20:24
Gianni lo so che non si può dire "del Divino" ma "di divinità".
Non è questo il punto. Ma va bene così non voglio sfociare in polemica. È evidente che non riesco a trasmettere il mio pensiero. Ma va bene così per me è chiusa qua.


Maria Grazia, Gianni ha sfiorato il mio pensiero, ma almeno lo ha sfiorato. Tu neanche quello (senzaoffesa)
Te lo avevo già detto in principio che il nostro pensiero è molto distante, poi ci metti che sicuramente sono io che non so trasmettere adeguatamente il mio pensiero. Quindi per me finisce qui questa discussione.
Si Tiger ,sicuramente sono io che non sono alla tua altezza , mi scuso per non essermi minimamente avvicinata al tuo pensiero , mi sforzo di seguire te e anche altri che scrivono ,ma io sono una che ama il concreto e il realismo , per me Dio e' una realtà , è' come se lo vedessi , in tutto ciò che mi circonda ,tutto mi parla di lui , in Jeshua' la Sua esatta rappresentazione, colui che mi fa vedere meglio di chiunque chi è Dio , no ,non è vero che siamo distanti , nell'essenziale non siamo distanti , e stai sicuro che io continuerò a leggerti perché non smetterò di cercare di capirti .
chelaveritàtrionfi
Messaggi: 4130
Iscritto il: venerdì 11 aprile 2014, 23:31
Località: Italia

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da chelaveritàtrionfi »

Maria Grazia, continua a scrivere e non sentirti meno di nessuno :-) . Tiger non si voleva sentire assolutamente superiore, quindi se di altezza si tratta, forse ci sarà una qualche differenza in quella fisica. Tra 1 e 2 metri rientrano tante misure e io non posso parlare :-)
Per me contano i documenti scritti perchè li possa verificare. "Ora i bereani .. accolsero il messaggio con grande entusiasmo e esaminarono ogni giorno le Scritture per vedere se questi insegnamenti erano veri". Atti 17:11 BSB
noiman
Messaggi: 1964
Iscritto il: domenica 20 aprile 2014, 22:41

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da noiman »

Noiman questa sera è stanco, e mi pare che voi tutti siete belli vispi, stanco soprattutto un pò’ dentro e tanto fuori, sarà per il freddo che ho preso oggi, non abito in Sicilia e neanche in Puglia ma nel profondo Nord, (forse anche troppo a Nord) , non voglio dilungarmi troppo, ho letto quanto avete postato e brevemente rispondo.

ועשו לי מקדש ושכנתי בתוכם ככל אשר אני מראה אותך את תבנית המשכן ואת תבנית כל כליו וכן תעשו

E faranno per me un santuario(mikdash) ed Io risiederò in essi.Secondo tutto quanto Io ti mostro, il progetto dell residenza(miskan) ed il progetto di tutti i suoi oggetti, e così farete” (Shmòt 25/8).

Nello stesso verso il “luogo” è chiamato in due modi differenti, (secondo voi va interpretato o no!) e si potrebbe aprire un mondo….! :-O Anche l’affermazione “risiederò in essi” è di approfondimento, letteralmente leggiamo in mezzo a loro e non nel santuario, forse D-o sa che il popolo sarà in esilio e il Santuario sarà distrutto ? (veramente profetico) , allora diventa importante la “ residenza”, “(non resilienza) “in mezzo a loro significa ovunque ci sarà un ebreo , questo può avvenire solo attraverso la Torah che è il suo Nome.
Per questo si realizzarono le parole profetiche :”E faranno per Mè un santuario ed Io risiederò in essi” ( Shmòt 25/8) …..Attenzione, non è scritto in esso e anche le traduzioni che riportano: ”risiederò con loro” non colgono bene i significati della espressione originale . Poi sapete che la metto sempre nel senso mistico, (i tecnici presenti mi perdonino)
“Risiedere in essi “significa fare un distinguo tra materialità dell’opera destinata a ricevere la presenza divina e la possibilità attraverso “un luogo” di ricevere una presenza destinata al singolo e poi alla collettività.
Questo è un concetto innovativo in un’era dove tutte le divinità dimoravano nei templi:
Non ha detto in esso, ma in “essi, per insegnare che la presenza Divina non risiede nel santuario a causa del santuario, ma al contrario a causa di Israele poiché “Essi sono il tempio del Signore”( Fonte: rav. Issakhar Bar Henburg- Zeidà Laderech).

Questa costruzione sfugge alla materialità, non è un fine ma un mezzo e se anche la costruzione sarà assolutamente materiale va intesa come strumento per la costruzione di un edificio spirituale che deve dimorare nel cuore di ciascun uomo.
Commenta Malbìm “Ha comandato che ognuno gli costruisca un Santuario con gli interni del suo cuore, sicché prepari se stesso a essere Residenza del Signore e abitazione per la presenza della sua forza e così un altare per innalzare tutte le parti della sua anima al Signore”(fonte :Artzoth Ha-Shalom, mi pare…..).
Nessuno è esentato alla costruzione del Santuario, come Y*** dimorerà in “essi” ciascuno è impegnato moralmente nella costruzione materiale e nell’accoglimento individuale , ciascun uomo che ne deve fare la propria casa portandolo nel cuore.

Prendo la tachipirina 1000 e vado a letto.
Dimenticavo: vi consiglio BenTorah come insegnante di ebraico, pensate che fa un corso di aramaico del Nuovo Testamento…..!!!!
Noiman


chelaveritàtrionfi
Messaggi: 4130
Iscritto il: venerdì 11 aprile 2014, 23:31
Località: Italia

Re: Riflessioni Bibliche

Messaggio da chelaveritàtrionfi »

Mah. Io credo che Ezechiele stia parlando della ricostruzione del secondo tempio ed il re Davide non è altro che il suo discendente Zorobabèle. Noiman se eri in sicilia ti davano la spremuta di arance. Al nord ci fanno spremere le miningi :d
Per me contano i documenti scritti perchè li possa verificare. "Ora i bereani .. accolsero il messaggio con grande entusiasmo e esaminarono ogni giorno le Scritture per vedere se questi insegnamenti erano veri". Atti 17:11 BSB
Rispondi