Caino e Abele

Re: Caino e Abele

Messaggioda Sandra » martedì 23 febbraio 2021, 21:30

Tu stesso dici che ne abbiamo tratto dei modelli. Certo! Perché la Scrittura ci è stata donata per trarne insegnamenti.
Chi prosegue? Noi.
Ognuno come può e sa.
MS
Magistero in Scienze Religiose
Pontificia Università Gregoriana
Cattolica della Chiesa Romana
Studiosa della Shoah
Sandra
 
Messaggi: 197
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:30

Re: Caino e Abele

Messaggioda noiman » martedì 23 febbraio 2021, 22:09

Sicuramente, Sandra, comunque si tratta di un testo ebraico che ha una lunga storia di interpretazioni da parte dell'ebraismo, mi viene in mente quella filastrocca:"Echad my yodea, echad ani yodea" e si prosegue "Snaim my yodea, snaim ani yodea, e si avanti fino a "sheloshà my yodea" , in generico "chi lo sa, io lo so " ripetuto per 13 volte ma con notevoli variazioni.
Ci sarà un seguito ?
Noiman
noiman
 
Messaggi: 1235
Iscritto il: domenica 20 aprile 2014, 22:41

Re: Caino e Abele

Messaggioda Sandra » mercoledì 24 febbraio 2021, 19:50

Propongo una visione cattolica del brano su Caino e Abele, tratta da una riflessione di Luciano Monari, prelato:

"Secondo il premio Nobel per la letteratura José Saramago (cfr. «Vita e Pensiero» 5/2013, pp. 65-79), la Lettera agli Ebrei dice uno “sproposito” quando recita: «Per fede Abele offrì a Dio un sacrificio migliore di quello di Caino e in base a esso fu dichiarato giusto» (Eb 11,4). Secondo lui, si tratta di cose «impossibili ad accettarsi, come affermare che Dio considerò Abele suo amico. Cosa significa questo? Stiamo giocando con le parole? Da dove ricaviamo questa informazione? Chi la registrò? Quando? Come? Dove? Abele e Caino sacrificarono a Dio quel che avevano. Anche il povero Caino, se mi è permesso di chiamare “povero” un assassino, offrì ciò che aveva. Dio disprezzò il suo sacrificio. Tutto prende inizio da qui: nacque lì la gelosia, il rancore, l’incomprensione, una volta che Caino non capisce perché Dio lo rifiuti. È uno sproposito logico, che mi porta a dire che questo testo farebbe la sua bella figura in un libro degli spropositi».

È proprio così: secondo il testo biblico Caino, che era agricoltore, «presentò frutti del suolo come offerta al Signore», mentre Abele, che era pastore, «presentò primogeniti del suo gregge e il loro grasso» (Gen 4,3-4). Il testo della Genesi continua: «Il Signore gradì Abele e la sua offerta, ma non gradì Caino con la sua offerta». Siamo chiaramente di fronte a un paradosso: la differenza delle offerte dipende dalle diverse attività degli offerenti (coltivatore di campi l’uno e allevatore di greggi l’altro); la differenza di gradimento dipende da una volontà non motivata di Dio.

Naturalmente il lettore può riempire i vuoti del testo immaginando che Abele abbia offerto con un cuore puro il meglio del gregge e che Caino abbia offerto con cuore impuro gli scarti dei frutti della terra; ma chi pensa questo lo fa a suo rischio e pericolo, perché il testo non lo giustifica in nessun modo. Un Dio capriccioso, allora? Una volontà che può affermarsi senza bisogno di giustificarsi? Del tipo: «Vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole e più non dimandare!». Eppure Pietro, di fronte al centurione Cornelio, proclama che «Dio non fa preferenza di persone» (At 10,34). E allora?

Probabilmente l’autore del nostro testo ha davanti agli occhi il culto che viene offerto nel tempio di Gerusalemme. Qui a Dio vengono presentate le primizie dei frutti della terra (Dt 26,1-11) e vengono offerti sacrifici di animali. Ma sono i sacrifici di animali a costituire gli autentici sacrifici graditi a Dio, in grado di espiare i peccati, di operare la redenzione, la riconciliazione, il riscatto del popolo. Secondo il Levitico è il sangue che espia perché il sangue è la vita (cfr. Lv 17,11); e la Lettera agli Ebrei fa eco affermando che «senza spargimento di sangue non esiste perdono» (Eb 9,22). Si capisce allora che il nostro autore ritenga l’offerta di un agnello più gradita a Dio dell’offerta di una cesta di primizie.

Si può anche immaginare che dietro al nostro racconto stia la profonda crisi che ha rappresentato nella storia dell’umanità l’inizio della coltivazione della terra (la rivoluzione neolitica). Ma tutte queste spiegazioni rimangono insufficienti: perché Dio non abbia gradito anche il sacrificio di Caino non è spiegabile. E sarà bene cercare di non spiegarlo, perché una spiegazione logica rovinerebbe l’efficacia del racconto. Supponiamo che Caino abbia offerto doni con una modalità sbagliata; in questo caso la risposta di Dio sarebbe del tutto logica; Caino dovrebbe attribuire a se stesso l’errore e dovrebbe quindi starsene tranquillo dicendo: «Me lo sono meritato! Non lo farò più; la prossima volta sarò più bravo». Una banalità; punto.

Ma il racconto, per fortuna, funziona in modo diverso. Caino non può attribuire a se stesso la colpa del rifiuto di Dio e proprio questo fatto produce la tensione che dà avvio al dramma. Agli occhi di Caino il mondo è ingiusto; quello che gli è capitato non è accettabile; deve fare qualcosa per raddrizzarlo. Caino potrebbe prendersela con Dio, ma questo sarebbe assolutamente inutile. Caino sa che Dio è Dio e che davanti a Dio l’uomo non può pretendere niente; contestare Dio non produrrebbe nulla di buono. E allora? Si noti: il problema non nasce solo dal fatto che Dio non ha accettato l’offerta di Caino; in questo caso Caino avrebbe potuto dire: «Dovevo saperlo: tra Dio e me c’è una distanza infinita; capisco che a Dio non interessino i frutti della mia terra; mica ne ha bisogno!». La tensione vera nasce dal confronto: perché Abele sì e io no? Perché i suoi agnelli sì e il mio grano no? Questo è il vero problema, antico e moderno insieme.
Il mondo è pieno di persone che, facendo il confronto con gli altri, si sentono trattate ingiustamente dalla vita, dal mondo, da Dio: perché sono povere o malate, o deboli, o emarginate, o rifiutate… Queste persone sono ben lungi dal pensare che la loro condizione di disgrazia abbia una spiegazione logica; se la spiegazione logica ci fosse, non ci sarebbe il dramma. Ma proprio perché la spiegazione logica non c’è (o, se c’è, noi non riusciamo a vederla), per questo ci si ribella e si contesta.

Si contesta… chi? Dio? «Se ne ride chi abita i cieli, il Signore si fa beffe di loro» (Sal 2,4). L’unica reazione che può dare davvero soddisfazione sembra essere l’eliminazione dell’altro. Certo, non gli posso attribuire una colpa morale, ma la sua esistenza, così com’è (cioè come esistenza fortunata, più fortunata della mia), non ha motivazione sufficiente. Se lo elimino, non rendo migliore la mia condizione, ma cancello il confronto e quindi cancello lo scandalo.

Nel dramma di Caino c’è il nostro stesso dramma, quello che ci porta a reagire a un mondo che non è logico come dovrebbe essere. Ha ragione Saramago quando parla di uno sproposito; ma bisogna riconoscere che è proprio questo sproposito che fa del testo biblico uno specchio della nostra condizione, dei nostri risentimenti, della nostra aggressività. Se togliamo lo sproposito, il racconto diventa lineare e banale insieme; il fratricidio diventa una pura espressione di violenza che non ha nulla da dirci. A questo punto possiamo tentare di capire anche la Lettera agli Ebrei: «Per fede, Abele offrì a Dio un sacrificio migliore di quello di Caino e in base a essa fu dichiarato giusto, avendo Dio attestato di gradire i suoi doni; per essa, benché morto, parla ancora» (Eb 11,4).

L’autore sta scrivendo una “storia della fede” attraverso una galleria di protagonisti della narrazione biblica. All’inizio di questa galleria l’autore ha posto un principio: «La fede è fondamento di ciò che si spera e prova di ciò che non si vede. Per questa fede i nostri antenati sono stati approvati da Dio» (Eb 11,1-2). Dio è, per definizione, “altro” dal mondo. Il mondo è l’insieme di tutte le cose che si possono vedere, ascoltare, toccare, immaginare… Dio sta oltre il mondo e le cose; non è quindi “visibile” e nemmeno “immaginabile”. Similmente le promesse di Dio si collocano nel futuro, e in un futuro che non sta dentro la storia, che non è quindi estrapolabile dal corso degli eventi attuali.

L’unico possibile rapporto con Dio e la sua promessa avviene attraverso la fede che apre gli occhi verso ciò (Colui) che è invisibile e apre il desiderio verso ciò (Colui) che non è afferrabile. Prendiamo allora l’esperienza di Abele che offre a Dio un sacrificio del suo gregge. Come può Abele avere fatto un sacrificio effettivamente gradito a Dio? Dobbiamo dire che tutto dipendeva dall’oggetto dell’offerta? Dio ha gradito il sacrificio di Abele perché Abele ha offerto un agnello? No, dice la Lettera agli Ebrei: ciò che rende gradito a Dio un sacrificio è la fede, cioè l’apertura del cuore a Dio invisibile, la trascendenza del cuore rispetto al mondo delle cose visibili. Ciò che rende gradito un sacrificio è il fatto che il cuore dell’uomo compia una scelta che trascende il mondo (e i vantaggi del mondo) per rischiare il dono gratuito rivolto a Colui che non vedo e che non controllo – che in nessun modo potrei vedere o controllare.

E Caino? Perché il sacrificio di Abele è definito «migliore» di quello di Caino? Va notato, anzitutto che il nostro autore non giudica direttamente il sacrificio di Caino; non dice che questo sacrificio non sia stato accettato da Dio. Dice solo che il sacrificio di Abele era «migliore». Non avrebbe potuto parlare diversamente, dal momento che aveva posto alla base un principio del tipo: la fede, e solo la fede, rende accetti a Dio perché la fede, e solo la fede, pone in relazione con ciò (Colui) che non è mondo. Dove c’è fede, non è possibile che non ci sia accettazione da parte di Dio, perché la fede è esattamente l’effetto suscitato nell’uomo da Dio che gli si è fatto vicino. La fede non è un salire dell’uomo verso Dio (che potrebbe riuscire o non riuscire, secondo i casi); è invece l’accoglienza nell’uomo del cammino di Dio che scende verso di lui; è ossequio che la creatura rende al creatore quando il creatore le si fa vicino.
L’ultimo interrogativo è la definizione di Abele come amico di Dio. In realtà, non so dove Saramago abbia trovato questa espressione. Per quanto mi risulta, l’espressione “amico di Dio” è riferita nella Bibbia ad Abramo (Is 41,8) e a Mosè (Es 33,11), non ad Abele; ma la questione è secondaria. In fondo, si legge nella Bibbia che la sapienza, entrando nelle anime sante, prepara amici di Dio e profeti (cfr. Sap 7,27). Si chiede Saramago: «Cosa vuol dire? Giochiamo con le parole?». Forse sì, ma certo stiamo giocando un gioco serio. L’amicizia indica la profondità di un rapporto che coinvolge non solo dimensioni esterne (come l’obbedienza a un comando), ma anche mozioni interne (i sentimenti, i desideri); che produce una vera condivisione di vita.

Ora, se Dio è «più intimo a me di me stesso», se è possibile vivere un rapporto di “alleanza” con Dio, se Dio entra in relazione con l’uomo attraverso la sua Parola e può donare all’uomo il suo Spirito, perché non chiamare tutto questo “amicizia”? C’è forse una parola migliore? Rimane da chiedersi: da dove so che Dio mi è amico? Bastano le parole della rivelazione universale, della Bibbia? Credo che la risposta più convincente sia l’amore che la relazione con Dio suscita e fa crescere in me. Certo, può esserci in me una forma illusoria di risposta all’amicizia e all’amore (e questa forma illusoria si riconosce dalle sue deformazioni: superstizione, aggressività, settarismo…); ma quando nasce e si sviluppa un’autentica capacità di amore – verso Dio, se stessi, gli altri, la vita, il futuro… – tutto questo testimonia la verità dell’amore di Dio nell’uomo, quindi dell’amicizia di Dio per l’uomo.

Stiamo giocando con le parole perché l’amicizia (che normalmente è tra uguali) viene proiettata a indicare il rapporto con ciò (Colui) che è infinitamente oltre; ma è un gioco serio, perché rende più umani e provoca a un amore crescente verso il mondo".
Magistero in Scienze Religiose
Pontificia Università Gregoriana
Cattolica della Chiesa Romana
Studiosa della Shoah
Sandra
 
Messaggi: 197
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:30

Re: Caino e Abele

Messaggioda speculator2 » mercoledì 24 febbraio 2021, 23:12

Sandra

citi: "il Signore gradi' Abele e la sua offerta ma non gradi' Caino con la sua offerta ".

Mi domando se nel testo ebraico veramente la congiunzione "e" è stata trasformata in "con".
speculator2
 
Messaggi: 665
Iscritto il: domenica 2 febbraio 2020, 22:27

Re: Caino e Abele

Messaggioda speculator2 » mercoledì 24 febbraio 2021, 23:47

Sandra
Tu citi: "il signore gradi' Abele e la sua offerta ma non gradi' Caino con la sua offerta ".

Mi domando se effettivamente nel, testo ebraico nel caso di Abele c'è una "e "mentre nel caso di Caino c'è un "con".
speculator2
 
Messaggi: 665
Iscritto il: domenica 2 febbraio 2020, 22:27

Re: Caino e Abele

Messaggioda Gianni » giovedì 25 febbraio 2021, 4:39

Grazie, Sandra, per averci proposto la riflessione di Luciano Monari, indubbiamente dotta (basterebbe l’acuta citazione di Dante per definirla tale). Il vescovo catechista punta su una delle 18 anafore di Eb 11, su cui fa la sua riflessione.

Temo tuttavia che la questione che hai posto avviando questa discussione non abbia ancora trovato una soluzione soddisfacente.

Per complicarci ulteriormente la vita, faccio un'osservazione su Gn 4:5: “[Dio] non guardò con favore Caino e la sua offerta. Caino ne fu molto irritato, e il suo viso [פָּנָיו (panàyv)] era abbattuto”.
Per la Bibbia molto più importante della “testa” è il “volto dell’uomo”, che viene sempre indicato con il termine plurale פנים (panìm). Questa parola appare nella Bibbia almeno 2100 volte. La parola panìm si riferisce alle molteplici connessioni che la persona ha con ciò che le sta di fronte.
I lineamenti di un uomo rispecchiano i suoi sentimenti. L’aspetto esteriore di una persona può già costituire un elemento che parla al suo interlocutore; per esempio: “Giacobbe osservò pure il volto [פְּנֵי (penè)] di Labano e vide che non era più, verso di lui, quello di prima”, “Io vedo che il volto [פְּנֵי (penè)] di vostro padre non è più, verso di me, quello di prima”. - Gn 31:2,5.
Il volto è considerato quella parte della persona che si rivolge verso gli altri.

Ciò ha un ruolo nell’osservazione fatta dal redattore di Gn che Dio “non guardò con favore Caino e la sua offerta”?
Avatar utente
Gianni
Site Admin
 
Messaggi: 7454
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 11:16
Località: Viareggio

Re: Caino e Abele

Messaggioda Sandra » giovedì 25 febbraio 2021, 9:23

Se il volto mostra l'interiore (così dovrebbe essere per tutti, ma non lo è vista la cappa di ipocrisia che spesso si nota invece del vero volto...) allora Caino non aveva gradito la preferenza di Dio verso suo fratello.
Rimango quindi dell'avviso che Dio abbia fatto una scelta su Abele e su Caino e che Caino non abbia accolto la scelta di Dio su di lui e sui suoi doni.
Questo ha forse a che fare con l'accettazione della volontà di Dio sulle nostre vite?

Tutto ciò, poi, ha suscitato la gelosia di Caino e quindi attraverso di essa, senza più controllo razionale, si è giunti al fratricidio.

Non stupisce e non deve stupire che Caino abbia reagito così. Io credo che il brano parli da solo, senza troppe elucubrazioni.
Poi che il redattore dopo abbia anche detto che dai discendenti di Caino derivarono molti mali, a mio modesto avviso, non fa che confermare la mia ipotesi.

Buona giornata
M.S
Magistero in Scienze Religiose
Pontificia Università Gregoriana
Cattolica della Chiesa Romana
Studiosa della Shoah
Sandra
 
Messaggi: 197
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:30

Re: Caino e Abele

Messaggioda Gianni » giovedì 25 febbraio 2021, 10:04

Sandra, traduco Gn 4:3-6 letteralmente e senza punteggiatura: “E fu da fine giorni fece andare Caino da frutto suolo oblazione a Yhvh e Abele fece andare anche lui da primogeniti di gregge di lui e da grassi di essi e guardò Yhvh a Abele e a oblazione di lui e a Caino e a oblazione di lui non guardò e arse a Caino molto e cadde faccia di lui e disse Yhvh a Caino perché …?”.

Perché senza punteggiatura? Perché nell’ebraico biblico manca sempre. Ora metto il passo in un italiano più comprensibile e aggiungo una possibile punteggiatura:
“Accadde dopo diversi giorni che Caino fece un'offerta di frutti della terra al Signore e Abele offrì anch'egli dei primogeniti del suo gregge e del loro grasso. Il Signore guardò ad Abele e alla sua offerta, e a Caino e alla sua offerta non guardò: Caino aveva messo il muso ed era abbattuto. Il Signore disse a Caino: «Perché … ?»”.

I due punti dopo “non guardo” introducono la spiegazione per il fatto che Dio non guardò a Caino e alla sua offerta. In questa ricostruzione tutto quadra e il broncio di Caino rivela la sua indisposizione interiore. La domanda Dio lo sottolinea: “Perché sei irritato? e perché hai il volto abbattuto? 7 Se agisci bene, non rialzerai il volto? Ma se agisci male, il peccato sta spiandoti alla porta, e i suoi desideri sono rivolti contro di te; ma tu dominalo!”. – V. 6, NR.

Chiedo l’aiuto di Noiman per sapere se questa mia ricostruzione psicologica è possibile. Ho infatti dei dubbi sui verbi יִּשַׁע (col prefisso וַ) e il negativo לֹא שָׁעָה.
Avatar utente
Gianni
Site Admin
 
Messaggi: 7454
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 11:16
Località: Viareggio

Re: Caino e Abele

Messaggioda Sandra » giovedì 25 febbraio 2021, 10:17

DIO...non guardò: Caino aveva messo il muso ed era abbattuto.

DIO non guardò. La conseguenza fu quindi che Caino ne fosse avvilito.
Psicologicamente è quasi logico...
Umanamente anche.
Vediamo se linguisticamente Noiman ci aiuta...da esperto di ebraico.
Grazie
Magistero in Scienze Religiose
Pontificia Università Gregoriana
Cattolica della Chiesa Romana
Studiosa della Shoah
Sandra
 
Messaggi: 197
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:30

Re: Caino e Abele

Messaggioda speculator2 » giovedì 25 febbraio 2021, 12:19

Come ho già scritto il problema era tra Dio e Caino e solo a margine tra Caino e Abele.

La persona di Caino è distinta dalla sua offerta. Inoltre Caino si arrabbiò per il suo sacrificio rigettato, cioè fu frustrato, e andò da una fissazione sul sacrificio rigettato ad una depressione.

La domanda: "perchè ti sei acceso di ira" richiedeva una risposta chef Caino forse non diede, come anche "perché il tuo viso e' dimesso?"
speculator2
 
Messaggi: 665
Iscritto il: domenica 2 febbraio 2020, 22:27

PrecedenteProssimo

Torna a La Sacra Scrittura

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti