Gli eletti

Re: Gli eletti

Messaggioda bgaluppi » venerdì 11 gennaio 2019, 12:31

Se ci chiediamo "per chi è venuto Yeshùa?" e dimentichiamo per un momento la consuetudine di pensiero sviluppatasi in seno al cristianesimo, ma esaminiamo la Scrittura con attenzione, credo che tutti i mattoncini andranno a posto (nei limiti di quello che possiamo capire). Vi propongo un ragionamento, da fare insieme con tutti quelli che vorranno partecipare, partendo da qui:

“Questo calice è il nuovo patto nel mio sangue, che è versato per voi” — LC 22:20

A quale patto fa riferimento Yeshùa? Non dice “io faccio un patto con voi”, ma fa specifico riferimento a “il nuovo patto” (ἡ καινὴ διαθήκη, è kainè diathèke, con articolo), dunque questo patto deve essere annunciato nel Tanach.
Avatar utente
bgaluppi
 
Messaggi: 8455
Iscritto il: domenica 28 dicembre 2014, 8:13
Località: Torino

Re: Gli eletti

Messaggioda Michele » venerdì 11 gennaio 2019, 12:51

Prima di capire a quale patto fa riferimento, bisogna chiederci anche il significato di sangue e calice
Avatar utente
Michele
 
Messaggi: 2410
Iscritto il: martedì 1 aprile 2014, 11:51

Re: Gli eletti

Messaggioda Michele » venerdì 11 gennaio 2019, 13:04

Il Nuovo Patto non era quello che stabilì con Mose dopo il Sinai?
Avatar utente
Michele
 
Messaggi: 2410
Iscritto il: martedì 1 aprile 2014, 11:51

Re: Gli eletti

Messaggioda Alen.chorbah » venerdì 11 gennaio 2019, 13:06

Quello era il primo patto quindi non avrebbe senso. Bisognerebbe cercarlo dall esilio in Babilonia in poi....
Avatar utente
Alen.chorbah
 
Messaggi: 316
Iscritto il: venerdì 31 marzo 2017, 20:42

Re: Gli eletti

Messaggioda bgaluppi » venerdì 11 gennaio 2019, 13:15

Per il calice di vino, consiglio:

http://www.archivio-torah.it/htm/pipernovino.pdf

Questo articolo offre spunti interessanti ai fini del nostro argomento:

https://www.google.com/amp/s/sguardoasi ... torah/amp/

Per quanto riguarda il sangue, nella Bibbia esso è ciò in cui risiede la vita. Il primo patto fu suggellato attraverso aspersione di sangue, dunque ne consegue che anche il nuovo patto necessiti di sangue. L'autore di Ebrei lo spiega in 9:17-22.
Avatar utente
bgaluppi
 
Messaggi: 8455
Iscritto il: domenica 28 dicembre 2014, 8:13
Località: Torino

Re: Gli eletti

Messaggioda bgaluppi » venerdì 11 gennaio 2019, 13:26

Particolarmente interessanti per questa discussione sono le seguenti parole, tratte dal secondo link che ho indicato:

“La parola korban (sacrificio) ha il significato di “portare”, o “avvicinarsi”. Per avvicinarsi a D-o, nell’Ebraismo, bisogna rinunciare a sé stessi, al proprio potere, alla propria volontà, all’esistenza autonoma e autosufficiente. È necessario cedere qualcosa, impegnarsi in un atto simbolico di rinuncia. Il risultato di un tale “avvicinamento a D-o” ci permette di guardare il mondo in maniera diversa. Rinunciare al nostro possesso di qualcosa (un animale, o una parte del raccolto agricolo) significa riconoscere che tutto ciò che abbiamo appartiene in realtà soltanto a D-o.”.

In questo senso si può comprendere l'offerta presentata da Yeshùa, la sua rinuncia, atta ad avvicinarlo a Dio in modo totale e far avvicinare tutti quelli che beneficiano di quel patto.

Tornando alla mia prima domanda, in quale parte del Tanach è annunciato “il patto nuovo”? Troviamo i versetti, poi li analizziamo e ci ragioniamo sopra.
Avatar utente
bgaluppi
 
Messaggi: 8455
Iscritto il: domenica 28 dicembre 2014, 8:13
Località: Torino

Re: Gli eletti

Messaggioda bgaluppi » venerdì 11 gennaio 2019, 13:35

Avatar utente
bgaluppi
 
Messaggi: 8455
Iscritto il: domenica 28 dicembre 2014, 8:13
Località: Torino

Re: Gli eletti

Messaggioda Janira » venerdì 11 gennaio 2019, 16:10

Il patto mosaico è stato suggellato in es 24:5 e seguenti:
Mandò dei giovani israeliti a offrire olocausti e a immolare tori come sacrifici di riconoscenza al SIGNORE. 6 Mosè prese metà del sangue e la mise in catini; l'altra metà la sparse sull'altare. 7 Poi prese il libro del patto e lo lesse in presenza del popolo, il quale disse: «Noi faremo tutto quello che il SIGNORE ha detto e ubbidiremo». 8 Allora Mosè prese il sangue, ne asperse il popolo e disse: «Ecco il sangue del patto che il SIGNORE ha fatto con voi sul fondamento di tutte queste parole».
Il nuovo patto è nominato in GER 31:31
Ecco, i giorni vengono», dice il SIGNORE,
«in cui io farò un nuovo patto
con la casa d'Israele e con la casa di Giuda;

Mi interessa in modo particolare questo argomento perché mi sfuggono i significati e i collegamenti di molte cose: ultima cena, pasqua, nuovo patto.
Seguo quindi con attenzione.
Janira
 
Messaggi: 346
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 16:13

Re: Gli eletti

Messaggioda France » venerdì 11 gennaio 2019, 16:35

Dopo il ritorno dall’esilio di babilonia è stato stipulato il nuovo patto con l’abbandono dell’idolatria
Neemia:
Il popolo rinnova solennemente il patto con Dio
Ne 9 (De 29:10-15; 2Cr 34:29-33)
38 «A motivo di tutto questo, noi abbiamo fatto un patto stabile, lo abbiamo messo per iscritto; e i nostri capi, i nostri Leviti e i nostri sacerdoti vi hanno applicato il loro sigillo.

10:1 «Ad applicare il loro sigillo sono stati: Neemia, il governatore, figlio di Acalia, e Sedechia,
2 Seraia, Azaria, Geremia, 3 Pascur, Amaria, Malchia, 4 Cattus, Sebania, Malluc, 5 Carim, Meremot, Obadia, 6 Daniele, Ghinneton, Baruc, 7 Mesullam, Abiia, Miiamin, 8 Maazia, Bilgai, Semaia. Questi erano i sacerdoti.
9 Leviti: Iesua, figlio di Azania, Binnui dei figli di Chenadad, Cadmiel, 10 e i loro fratelli Sebania, Odia, Chelita, Pelaia, Anan, 11 Mica, Reob, Casabia, 12 Zaccur, Serebia, Sebania, 13 Odia, Bani, Beninu.
14 Capi del popolo: Paros, Paat-Moab, Elam, Zattu, Bani, 15 Bunni, Azgad, Bebai, 16 Adonia, Bigvai, Adin, 17 Ater, Ezechia, Azzur, 18 Odia, Casum, Besai, 19 Carif, Anatot, Nebai, 20 Magpias, Mesullam, Chezir, 21 Mesezabeel, Sadoc, 22 Iaddua, Pelatia, Anan, Anania, 23 Osea, Anania, Cassub, 24 Alloches, Pila, Sobec, 25 Reum, Casabna, Maaseia, 26 Achia, Canan, Anan, 27 Malluc, Carim, Baana.
28 Il resto del popolo, i sacerdoti, i Leviti, i portinai, i cantori, i Netinei e tutti quelli che si erano separati dai popoli dei paesi stranieri per aderire alla legge di Dio, le loro mogli, i loro figli e le loro figlie, tutti quelli che avevano discernimento e intelligenza, 29 si sono uniti ai loro fratelli più ragguardevoli, e si sono impegnati con esecrazioni e giuramenti a camminare nella legge di Dio data mediante Mosè servo di Dio, a osservare e mettere in pratica tutti i comandamenti del SIGNORE nostro Dio, le sue prescrizioni e le sue leggi, 30 a non dare le nostre figlie ai popoli del paese e a non prendere le loro figlie per i nostri figli, 31 a non comprare nulla in giorno di sabato o in altro giorno di festa, dai popoli che portassero a vendere in giorno di sabato merci o derrate di qualsiasi genere, a lasciare riposare la terra ogni settimo anno, e a rimettere ogni debito.
France
 
Messaggi: 258
Iscritto il: martedì 1 aprile 2014, 11:53

Re: Gli eletti

Messaggioda Janira » venerdì 11 gennaio 2019, 16:51

Questo patto però non riguarda la casa di Israele, ma solo la casa di Giuda.
In un'altra discussione Bgaluppi ipotizzava che il nuovo patto con i giudei sarebbe stato stipulato alla seconda venuta.. Il profeta Geremia profetizza prima del rientro dall'esilio babilonese? Scusate l'ignoranza :d :d
Janira
 
Messaggi: 346
Iscritto il: giovedì 8 febbraio 2018, 16:13

PrecedenteProssimo

Torna a La Sacra Scrittura

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite