La condizione dei giudei durante la cattività babilonese

Rispondi
Avatar utente
Gianni
Site Admin
Messaggi: 10074
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 10:16
Località: Viareggio
Contatta:

La condizione dei giudei durante la cattività babilonese

Messaggio da Gianni »

AEnim, richiamandosi a quanto scritto da Besàseà lo scorso 22 aprile, mi fa presente una sua affermazione in cui tra l’altro aveva scritto: “La cattività in Babilonia fu tragica, la Toràh e la religione di Israel vennero proibite, solo la tradizione orale sopravvisse”. Apro quindi una discussione biblica sulla condizione dei giudei durante la cattività babilonese.

Espongo il mio pensiero, per poi lasciare poi la parola a chi voglia partecipare:

Gli abitanti del Regno di Giuda, quando avvenne la loro deportazione, furono condotti in Babilonia e si stabilirono nella stessa capitale e nei dintorni sulle rive del fiume Eufrate. I giudei furono più fortunati degli israeliti. Infatti, godettero di molti privilegi: libera amministrazione dei loro beni, una loro magistratura che amministrava la giustizia, possibilità di darsi al commercio e di acquistare proprietà. Alcuni giudei ebbero anche dignità e alte funzioni presso la corte babilonese. Ma, spiritualmente, incombevano pericoli per l’integrità e la purezza: lo splendore dei templi idolatri, le feste solenni e le grandiose cerimonie pagane, l’arte babilonese e le ricchezze, ogni cosa era messa a favore del culto idolatrico. I babilonesi, poi, avevano interesse a propagare la loro religione e ad affievolire quelle degli altri popoli: la loro, infatti, aveva un carattere eminentemente nazionale. I giudei furono allettati da tutto ciò. Era facile piegarli all’idolatria con la sua licenziosità di costumi.
Eppure – quasi incredibile a dirsi – il popolo giudaico si teneva lontano dall’idolatria. Il ricordo del Tempio, i giorni splendidi delle Festività di Dio, la gloria di Siòn e di Yerushalàym (Gerusalemme), i canti dei profeti, la speranza che Dio li avrebbe nuovamente liberati … tutto li rafforzava e li faceva rimanere fedeli al culto dei padri. Con la mente e i sentimenti alla Città santa, i poveri esiliati giudei sospiravano per Yerushalàym.
“Lungo i fiumi, laggiù in Babilonia,
sedevamo e piangevamo
al ricordo di Sion . . .
Laggiù, dopo averci deportato,
ci incitavano a cantare;
esigevano canti di gioia
i nostri oppressori . . .
Ma come cantare i canti del Signore
in terra straniera?
Se dimentico te, Gerusalemme,
si paralizzi la mia mano;
la mia lingua si incolli al palato
se non sei il mio continuo pensiero,
il colmo della mia gioia, Gerusalemme”.
– Sl 137, passim, TILC.

Riferimento:
https://www.biblistica.it/wp-content/up ... giudei.pdf
Avatar utente
Maria Grazia Lazzara
Messaggi: 1265
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2022, 5:38

Re: La condizione dei giudei durante la cattività babilonese

Messaggio da Maria Grazia Lazzara »

Buon giorno Gianni , credo che questo argomento potrà chiarire alcuni perplessità ,

Sono andata a prendere il libro di Daniele e ho cercato ciò che risiedeva già nella mia memoria Daniele 9:2 " Daniele comprese dai libri il numero degli anni di cui Dio aveva parlato al profeta Geremia riguardo la desolazione di Gerusalemme e cioè settant'anni "

Di quali libri stiamo parlando ? Cosa andò perduto ?

La cosa ha un seguito

In Neemia 8: 1, 5 " Esdra aprì il Libro della Legge di Mosè e il popolo si alzò in piedi "



Da dove sbucò questo libro ? Quindi il Libro fu custodito e sopravvisse .

Sadrac, Mesac , Abednego , superarono la prova della fornace ardente perché conoscevano perfettamente a memoria i Comandamenti e molto di più perchè si attennero alla dieta ed erano dei giovani .

Non so se questa domanda non è attinente al tema ma è necessaria farla : Dove nella Sacra Scrittura Dio comanda e vieta al popolo di imparare e non ripetere i Comandamenti.
Non si evince da nessuna parte nelle scritture ebraiche Sacre . Se li leggi li impari .
Le leggi sono state date al popolo e per il popolo e sono patrimonio del popolo .
Avatar utente
Gianni
Site Admin
Messaggi: 10074
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 10:16
Località: Viareggio
Contatta:

Re: La condizione dei giudei durante la cattività babilonese

Messaggio da Gianni »

Grazie per il tuo contributo, che condivido, Maria Grazia.
roberto
Messaggi: 159
Iscritto il: giovedì 17 aprile 2014, 23:00

Re: La condizione dei giudei durante la cattività babilonese

Messaggio da roberto »

Buongiorno. E chiaro e confermato anche da ritrovamenti archeologici, che gli esiliati godevano di una certa libertà, come hai specificato Gianni, godettero di molti privilegi. Questo mi fa pensare, che abbiano conservato anche le proprie tradizioni, usanze come la circoncisione, il sabato, le leggi di purità rituale, assumono un carattere sempre più religioso, diventando segni distintivi dell'appartenenza al popolo eletto. Si pensa che proprio durante l esilio che sia nata la sinagoga, Le costanti della sinagoga sono: l'Arca Santa (armadio dove sono i rotoli della Torah), il podio (bimah) per la lettura della Torah e per la recita della preghiera. La lampada, ( menorah) accesa perennemente, ricorda la lampada del Tempio e la presenza dei rotoli della Legge. Il sottolineato è una indagine storica che ho trovato in rete. Se cosi fosse, o fu loro concesso di tenere i tesori riguardanti il loro culto, da quelli saccheggiati nel tempio, oppure se li sono portati appresso in cammino verso le terre babilonesi.
Avatar utente
Gianni
Site Admin
Messaggi: 10074
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 10:16
Località: Viareggio
Contatta:

Re: La condizione dei giudei durante la cattività babilonese

Messaggio da Gianni »

Infatti, Roberto. I giudei non avevano più il tempio, per cui tutta la loro devozione non poteva che essere incentrata sulla Toràh.
chelaveritàtrionfi
Messaggi: 4130
Iscritto il: venerdì 11 aprile 2014, 23:31
Località: Italia

Re: La condizione dei giudei durante la cattività babilonese

Messaggio da chelaveritàtrionfi »

Buongiorno a tutti. Roberto, quando riporti citazioni prese in rete, ti consiglio di riportare sempre la fonte ( link).
Per me contano i documenti scritti perchè li possa verificare. "Ora i bereani .. accolsero il messaggio con grande entusiasmo e esaminarono ogni giorno le Scritture per vedere se questi insegnamenti erano veri". Atti 17:11 BSB
Bruno
Messaggi: 153
Iscritto il: venerdì 12 maggio 2023, 9:53

Re: La condizione dei giudei durante la cattività babilonese

Messaggio da Bruno »

Gianni ha scritto: mercoledì 17 maggio 2023, 4:51 I babilonesi, poi, avevano interesse a propagare la loro religione e ad affievolire quelle degli altri popoli:
Quindi proibirono la religione degli altri popoli. Nella conclusione del salmo 137 vi sono parole di odio contro i babilonesi e il libro di lamentazioni parla di cose terribili, come le mamme che mangiano i loro bambini. Quindi non fu proprio una passeggiata.
Maria Grazia Lazzara ha scritto: mercoledì 17 maggio 2023, 8:58 Di quali libri stiamo parlando ? Cosa andò perduto ?

La cosa ha un seguito

In Neemia 8: 1, 5 " Esdra aprì il Libro della Legge di Mosè e il popolo si alzò in piedi "
Credo si tratti del rotolo della torah che andò perduto. Chiedo conferma ai nostri amici ebrei.

Dato che Gianni ha citato Besàseà perché non lo invita a questa discussione? Bastava un si sulla discussione "tutto bloccato" per farlo rimanere.
Bruno
Messaggi: 153
Iscritto il: venerdì 12 maggio 2023, 9:53

Re: La condizione dei giudei durante la cattività babilonese

Messaggio da Bruno »

chelaveritàtrionfi ha scritto: mercoledì 17 maggio 2023, 9:34 Buongiorno a tutti. Roberto, quando riporti citazioni prese in rete, ti consiglio di riportare sempre la fonte ( link).
Chiedo anche a Gianni che riporti le fonti. Grazie.
Avatar utente
Gianni
Site Admin
Messaggi: 10074
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 10:16
Località: Viareggio
Contatta:

Re: La condizione dei giudei durante la cattività babilonese

Messaggio da Gianni »

Bruno, sempre a polemizzare? In merito a Besàseà ti ha già risposto AEnim. Le fonti sono indicate nello scritto che ho citato.
Avatar utente
Gianni
Site Admin
Messaggi: 10074
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 10:16
Località: Viareggio
Contatta:

Re: La condizione dei giudei durante la cattività babilonese

Messaggio da Gianni »

Sì, polemica, perchè nessuno impedisce a Besàseà di partecipare, il quale continua ad avere qui libero accesso.
Rispondi